VIDEO | L’Unione italiana ciechi a scuola di sub

Coinvolgente esperienza per i ragazzi dell’Uici di Vibo Valentia che, in un noto villaggio turistico di Zambrone, hanno frequentato laboratori di musicoterapia, nuoto e immersione.

Coinvolgente esperienza per i ragazzi dell’Uici di Vibo Valentia che, in un noto villaggio turistico di Zambrone, hanno frequentato laboratori di musicoterapia, nuoto e immersione.

Informazione pubblicitaria

Per una settimana hanno soggiornato in un noto villaggio turistico di Zambrone, nel Vibonese. Sette giorni di sole e relax ma anche di attività per i giovani dell’Unione italiana ciechi di Vibo Valentia che, insieme a ciechi ed ipovedenti provenienti da tutta Italia, hanno avuto la possibilità di frequentare laboratori di musicoterapia, piuttosto che fare attività subacquea con tanto di consegna del brevetto, fino al nuoto. Obiettivo delle attività abbattere ogni barriera e rendere completamente autonomi i non vedenti.

Partecipato il laboratorio di musicoterapia che ha dato vita ad un vero e proprio concerto di strumenti a percussione attraverso il battito delle mani accompagnato dai suoni dello xilofono e del tamburello. Di forte impatto emotivo il laboratorio di immersione subacquea. I giovani dell’Uici dopo avere indossato la tuta e le bombole d’ossigeno si sono immersi fino a 18 metri di profondità per esplorare i fondali marini.

Un’esperienza tattile di straordinaria bellezza. Ai laboratori anche il presidente dell’Uici di Vibo Valentia Giovanni Barberio che si è detto più che soddisfatto dell’esperienza che hanno vissuto i giovani aderenti all’associazione.