sabato,Maggio 25 2024

Sciolti per infiltrazioni mafiose gli organi elettivi del Comune di Capistrano

Il Consiglio dei ministri accoglie la proposta del ministro dell’Interno Matteo Piantedosi. Tutto parte da un’inchiesta della nostra testata rilanciata poi dall’allora presidente della Commissione parlamentare Nicola Morra. Fine corsa per l’amministrazione guidata dal sindaco Marco Martino

Sciolti per infiltrazioni mafiose gli organi elettivi del Comune di Capistrano
Nel riquadro l'ex sindaco Marco Martino
Il ministro Matteo Piantedosi

Il Consiglio dei ministri, su proposta del ministro dell’Interno Matteo Piantedosi, in considerazione dei riscontri relativi a forme d’ingerenza da parte della criminalità organizzata che compromettono la libera determinazione e l’imparzialità dell’azione amministrativa e il buon andamento e il funzionamento dei servizi, con grave pregiudizio dell’ordine e della sicurezza pubblica, ha deliberato lo scioglimento del Consiglio comunale di Capistrano guidato dal sindaco Marco Martino (Forza Italia) per infiltrazioni mafiose. Il Consiglio dei ministri ha anche disposto l’affidamento della gestione del Comune a una Commissione straordinaria per un periodo di 18 mesi. La Commissione di accesso agli atti da parte della Prefettura di Vibo Valentia era stata inviata il 20 dicembre dello scorso anno. Era stata un’inchiesta della nostra testata (LEGGI QUI: Elezioni e inchieste: da Filogaso a Capistrano, ecco l’interesse della Dda di Catanzaro) a sollevare il “caso Capistrano”. I nostri rilievi erano stati poi rilanciati dall’allora presidente della Commissione parlamentare antimafia Nicola Morra.

Marco Martino ed il sostegno politico da Forza Italia

Marco Martino

Il sindaco Marco Martino era stato riconfermato primo cittadino di Capistrano nel giugno dello scorso anno avendo avuto la meglio sulla lista di Rocco Tino (compagine quest’ultima da molti ritenuta una “lista civetta”, definizione mai smentita dal diretto interessato). Ex Udc, attualmente Forza ItaliaMarco Martino nel gennaio del 2020 era commissario provinciale e coordinatore nazionale dei giovani dell’Udc quando – sponsorizzato politicamente da Lorenzo Cesa e dall’ex presidente della Provincia Gaetano Ottavio Bruni – si era candidato al Consiglio regionale proprio con l’Udc non venendo però eletto (aveva ottenuto 2.849 voti). Nel giugno del 2020 era stato l’allora consigliere regionale Vito Pitaro a complimentarsi pubblicamente con Marco Martino per aver lanciato il movimento “Cultura Calabria” lasciando l’Udc. «Non è facile – aveva affermato Vito Pitaro – tranciare i fili che legano ad un partito dopo anni di militanza e sacrificio; Marco Martino l’ha fatto senza abbattersi e sento di dover complimentarmi – aveva concluso Pitaro – con questo giovane sindaco, che rappresenta un cambio di passo generazionale in un contesto, quello calabrese, che spesso viene identificato come eccessivamente tradizionalista». Nell’agosto 2021 Marco Martino è quindi passato fra le fila di Forza Italia, ricevendo il pubblico plauso da parte del coordinatore regionale degli azzurri, il senatore Giuseppe Mangialavori, oggi deputato e presidente della Commissione Bilancio della Camera dei deputati: «La grande comunità di Forza Italia è lieta di accogliere Marco Martino, un giovane amministratore – aveva affermato Mangialavori – che saprà dare il suo contributo per la crescita del nostro grande partito».

Capistrano senza opposizione

La giunta di Capistrano

Capistrano nel 2021 la maggioranza aveva invece festeggiato la totale adesione fra le loro fila anche di tutti i consiglieri eletti con la minoranza. Una situazione politica particolare perché alle amministrative del 2017 Antonio Pisani (ricandidato nl giugno dello scorso anno con il primo cittadino uscente) era stato eletto consigliere comunale e poi nominato assessore dal sindaco Marco Martino, dimettendosi però successivamente dalla carica di assessore favorendo così l’ingresso in giunta addirittura di un consigliere comunale eletto con la minoranza (e quindi in una lista nel 2017 contrapposta a Marco Martino), vale a dire Vito Pirruccio, nominato però dal sindaco quale suo assessore (poi di nuovo assessore e vicesindaco ed anche consigliere provinciale). Nel corso della consiliatura nata nel 2017 (quella precedente all’attuale) si erano poi dimessi i consiglieri di minoranza Marcello Caputo e Domenico Mesiano ed al loro posto erano subentrati Vito Antonio Montesano e Raffaele Maida che erano subito passati con il gruppo di maggioranza (pur essendo stati eletti ed avendo chiesto voti nel 2017 in una lista contrapposta a Martino).

Le accuse di Emanuele Mancuso

Emanuele Mancuso

In data 7 aprile 2021, nel corso del maxiprocesso Rinascita Scott, il collaboratore di giustizia Emanuele Mancuso – per come denunciato anche dal presidente dell’Antimafia Nicola Morra – ha dichiarato in udienza che durante una perquisizione a casa di Giuseppe Navarra di Rombiolo (fra i principali imputati del maxiprocesso) i carabinieri hanno trovato presente pure “il consigliere Claudio Tucci insieme a Salvatore Chimirri, pure lui di Capistrano. In tale occasione è saltato fuori un chilo di hashish, 300 grammi di marijuana, mentre in una botola erano nascosti 800 grammi di cocaina”. Claudio Tucci è stato consigliere comunale di Capistrano nel 2017 in una lista a sostegno del sindaco vincente Marco Martino.
Il 3 giugno dello scorso anno, invece, il Tribunale collegiale di Vibo ha acquisito agli atti del maxiprocesso “Imponimento”, contro il clan Anello di Filadelfia, le dichiarazioni di Emanuele Mancuso datate 27 febbraio 2020. In tale verbale Mancuso ha testualmente dichiarato di aver conosciuto tale «Tucci che opera nel settore del legname e vive sulla montagna di Capistrano; era legato alla mia famiglia,i Mancuso, e mi rispettava molto. Il nipote di questi, legato al gruppo di Daniele Cortese, si è candidato al Consiglio comunale di Capistrano nell’ultima competizione elettorale, se non erro nella lista dell’attuale sindaco e Cortese ed il suo gruppo hanno raccolto voti in suo favore. Sia il vecchio che l’attuale sindaco – ha dichiarato sempre Mancuso nel verbale del 2020 – mi portano molto rispetto. L’attuale sindaco di Capistrano è molto amico di Daniele Cortese, oltre che mio amico, tant’è che all’epoca mi aveva chiesto se lo aiutavo a raccogliere un po’ di voti anche perché la famiglia Chimirri è molto numerosa e sapeva della mia influenza sui ragazzi di Capistrano».Il sindaco di Capistrano nel febbraio 2020 era proprio Marco Martino, eletto nel 2017 e rieletto per la seconda volta il 12 giugno dello scorso anno. Daniele Cortese, con precedenti per droga, imputato per narcotraffico ed estorsione aggravata dal metodo mafioso, in concorso con Emanuele Mancuso, nell’inchiesta della Dda di Catanzaro denominata “Anteo” il 13 marzo scorso è stato condannato a 4 anni e mesi. La Dda aveva chiesto per lui 15 anni di reclusione. Il padre di Daniele Cortese è stato invece rieletto consigliere comunale di Capistrano il 12 giugno dello scorso anno. Si chiama Bruno Cortese e si trova attualmente sotto processo nell’operazione Imponimento per il reato di traffico di influenze illecite con l’aggravante mafiosa.

Nency Chimirri e la denuncia di Morra

Come denunciato dal presidente della Commissione parlamentare antimafia, Nicola Morra, “Nensy Chimirri di Capistrano è invece la compagna da cui Emanuele Mancuso ha avuto una bambina; la donna è stata condannata il 5 marzo 2021 a 4 anni di carcere per intralcio alla giustizia e violenza privata al fine di costringere il compagno Emanuele Mancuso ad interrompere la collaborazione con la giustizia. In Appello il 18 luglio scorso la condanna è stata ridotta a 10 mesi. Il 25 marzo dello scorso anno Nensy Chirmirri è stata poi rinviata a giudizio per narcotraffico nell’operazione “Anteo”. Carlo Chimirri – padre di Nensy Chimirri – nel 2017 è stato invece arrestato per una piantagione di marijuana. Vito Pirruccioassessore nella precedente giunta guidata dal sindaco di Capistrano Marco Martino, il 12 giugno dello scorso anno è stato rieletto e confermato assessore, nonché promosso dal primo cittadino quale suo vicesindaco. Vito Pirruccio è cugino di primo grado di Nensy Chimirri, nonché nipote di Carlo Chimirri. Dal 18 dicembre 2021 Vito Pirruccio è anche consigliere provinciale di Vibo Valentia con la lista di Forza Italia.

Il Post pubblicato da Morra in cui Martino fa gli auguri alla Chimirri

Il 18 aprile 2021Nensy Chimirri dal proprio profilo Facebook ha pubblicato un post rendendo pubblica una conversazione intrattenuta via messaggi con il sindaco Marco Martino il 20 luglio 2017 e poi un messaggio di auguri del 25 giugno 2018. Il post si intitola: “Conversazione integrale tra il sindaco Marco Martino con Nensy Chimirri. I favori al Comune tramite Facebook e gli auguri per la figlia del boss dei Mancuso”. Nella stessa, il sindaco Marco Martino – oltre a procurare in Comune un certificato richiesto dalla Chimirri – in data 25 giugno 2018 fa gli auguri alla stessa Nensy Chimirri ed al compagno Emanuele Mancuso per la nascita della loro bambina. “Volevo fare tantissimi auguri a mamma e papà, ho saputo solo ora la bellissima notizia. In bocca al lupo per tutto”; sempre Nensy Chimirri sul proprio profilo Facebook ha poi reso pubbliche conversazioni non proprio edificanti con il cugino assessore Vito Pirruccio e con il consigliere Claudio Tucci”. Oggi, quindi, lo scioglimento per infiltrazioni mafiose del Consiglio comunale di Capistrano. Tra venti giorni le motivazioni della decisione da parte del Consiglio dei ministri.

LEGGI ANCHE: Elezioni e inchieste: da Filogaso a Capistrano, ecco l’interesse della Dda di Catanzaro

Morra al prefetto di Vibo: «Indaghi sugli amministratori di Capistrano e sui loro legami compromettenti»  

Antimafia: il sindaco di Capistrano replica a Morra ma alcune date non tornano

Antimafia: Commissione di accesso agli atti al Comune di Tropea

top