Zambrone, la differenziata dietro l’intimidazione al vicesindaco?

Domenico Muggeri è convinto che a sistemare la testa mozzata di capretto davanti al suo studio sia stato un cittadino deluso dall'operato amministrativo

Domenico Muggeri è convinto che a sistemare la testa mozzata di capretto davanti al suo studio sia stato un cittadino deluso dall'operato amministrativo

Informazione pubblicitaria
Domenico Muggeri, vicesindaco di Zambrone
Informazione pubblicitaria

Sull’intimidazione di cui è stato oggetto (ignoti gli hanno fatto trovare una testa mozzata di capretto nel giardino del suo studio tecnico) il vicesindaco Domenico Muggeri si è fatto un’idea ben precisa. Per l’amministratore, infatti, «quanto accaduto e mai verificatosi nella storia del Comune, ha gettato me e i miei familiari nella preoccupazione. Erano le sette e un quarto di un comune giorno di lavoro per me e mai mi sarei aspettato un regalo del genere appeso alla porta del mio studio. Immediatamente ho avvisato il sindaco Corrado L’Andolina, il quale si è subito precipitato da me, e i Carabinieri della stazione di Zungri. Fortunatamente i miei familiari e i miei due bambini non hanno visto nulla di quanto, invece, rimarrà impresso nella mia memoria».

Informazione pubblicitaria

Il vile gesto sarebbe legato «molto probabilmente all’andamento della raccolta differenziata che abbiamo sensibilmente incrementato. Il fatto è che in questo settore abbiamo preso delle decisioni impopolari che avrebbero bisogno di tempo per essere comprese dalla cittadinanza. Forse i miei modi sono stati travisati e letti come imposizioni. Di questo ho avvisato i Carabinieri, spiegando loro, secondo il mio parere, da cosa tutto ciò abbia avuto origine».

Una testa mozzata di capretto davanti allo studio del vicesindaco di Zambrone

Ha poi aggiunto: «Con l’amico Corrado e con gli altri componenti del gruppo di minoranza ci siamo messi in gioco con l’obiettivo di cambiare in meglio questo comune. Sinceramente non mi aspettavo una simile ricompensa». Muggeri ha insistito, quindi, sulla raccolta differenziata che in tre mesi è passata dal 6 al 60 percento.

«Mi sono impegnato personalmente – ha chiosato – in questa iniziativa di rilancio. Questo ci ha costretti, e alcune volte l’ho fatto personalmente, a non ritirare la differenziata. Ciò ha qualche volta generato screzi con quanti pretendevano comunque il ritiro da parte della ditta. Comprendo che il mio modo di fare possa causare fastidio, partendo da quanto accaduto cercherò di limare ogni spigolo».