Operazione “Conquista”, torna in libertà anche Nicola Bonavota

L’uomo si era consegnato domenica scorsa ai carabinieri di Sant’Onofrio. Gli atti passano ora al gip di Catanzaro per competenza territoriale

L’uomo si era consegnato domenica scorsa ai carabinieri di Sant’Onofrio. Gli atti passano ora al gip di Catanzaro per competenza territoriale

Informazione pubblicitaria

E’ tornato in libertà Nicola Bonavota, l’uomo destinatario di un fermo di indiziato di delitto emesso dalla Dda di Catanzaro nell’ambito dell’operazione “Conquista” contro il clan di Sant’Onofrio.   

Operazione “Conquista”, Nicola Bonavota si consegna ai carabinieri (VIDEO) 

Il gip di Vibo Gabriella Lupoli non ha infatti convalidato il provvedimento nei confronti dell’uomo che si era consegnato domenica scorsa ai carabinieri. L’uomo (foto in basso) è accusato di essere il mandante, in concorso con i fratelli, tutti presunti appartenenti all’omonima cosca di ‘ndrangheta, di due omicidi.   

Operazione “Conquista”, il gip di Roma scarcera Pasquale Bonavota

Il gip ha anche rigettato la richiesta di ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Bonavota accogliendo le richiesta degli avvocati Nicola D’Agostino e Nicola Cantafora. Gli atti adesso passano al gip Catanzaro per competenza territoriale. (Ansa)

Operazione “Conquista”, i nomi di tutti gli indagati (FOTO)