Ionadi, ex casello nel mirino dei ladri: rubate le telecamere di sorveglianza – Foto

Non è la prima volta che la struttura, riqualificata dal Comune ma mai entrata in funzione, è oggetto di attenzioni da parte di ignoti. Indagano i carabinieri di Filandari
Non è la prima volta che la struttura, riqualificata dal Comune ma mai entrata in funzione, è oggetto di attenzioni da parte di ignoti. Indagano i carabinieri di Filandari
Informazione pubblicitaria
L'ex casello di Ionadi
Informazione pubblicitaria

Furto con sottrazione di sistemi di videosorveglianza e varie attrezzature nell’ex casello delle Ferrovie Calabro-Lucane, sito nel territorio di Ionadi lungo la vecchia tratta Pizzo-Mileto. Luogo da tempo soggetto ad incursioni di questo tipo, con sensibili danneggiamenti alla struttura già riqualificata dalla passata amministrazione comunale ionadese, guidata dall’allora sindaco Caterina Signoretta. L’ex casello, già affidato in comodato d’uso gratuito all’associazione Istituto per la famiglia, avrebbe dovuto ospitare il museo dell’ex ferrovia, non è però mai entrato stabilmente in funzione ed è da tempo caduto in disuso. Così, lo stabile che sorge lungo la pista ciclabile che ripercorre il vecchio tracciato ferroviario, è stato oggetto di nuove attenzioni anche nei giorni scorsi e dallo stesso sono stati prelevati numerose componenti dell’impianto di illuminazione, fari, cavi e quadri elettrici, le telecamere di videosorveglianza e, addirittura, i cestini della spazzatura. In passato, i ladri avevano addirittura sfondato una parete per introdursi all’interno.  Varco poi fatto riparare dal Comune. Sul recente furto indagano i carabinieri della Stazione di Filandari che avrebbero acquisito le immagini registrate da altri impianti di videosorveglianza privati situati nelle vicinanze.

Informazione pubblicitaria