Esequie di Nicola Arcella, a Stefanaconi proclamato il lutto cittadino

L’ordinanza del sindaco Solano si fa interprete del cordoglio della comunità. L’Anpi e la Cgil di Vibo al “compagno”: «Ci mancherà il suo sorriso, la generosità e la coerenza nel suo impegno civile e politico»
L’ordinanza del sindaco Solano si fa interprete del cordoglio della comunità. L’Anpi e la Cgil di Vibo al “compagno”: «Ci mancherà il suo sorriso, la generosità e la coerenza nel suo impegno civile e politico»
Informazione pubblicitaria
Il compianto Nicola Arcella
Informazione pubblicitaria

Il sindaco di Stefanaconi, Salvatore Solano, ha proclamato il lutto cittadino in occasione delle esequie del dipendente comunale Nicola Arcella, deceduto domenica 14 novembre all’ospedale Sant’Eugenio di Roma a seguito delle gravi ustioni riportate il giorno precedente quando si era dato fuoco nel cimitero di Stefanaconi. Evidenziato che “l’intera comunità è rimasta profondamente colpita dalla prematura scomparsa del concittadino Nicola Arcella e ritenuto di interpretare il comune sentimento della popolazione”, Solano ha dunque ordinato “la proclamazione del lutto cittadino; la chiusura degli uffici comunali nella giornata del funerale, domani, venerdì 29 novembre, l’esposizione delle bandiere a mezz’asta nel palazzo municipale”, invitando inoltre i concittadini e i titolari di attività commerciali a “manifestare la loro partecipazione al lutto mediante sospensione delle attività in segno di raccoglimento e rispetto”. I funerali si svolgeranno alle ore 15.30 di domani nella chiesa matrice di Stefanaconi. Al cordoglio della comunità si è unita anche l’Associazione nazionale partigiani d’Italia (Anpi) di Vibo Valentia. «Il compagno Nicola Arcella non è più con noi – si legge in una nota -. La sua tragica decisione di mettere un punto alla sua vicenda umana, è per noi motivo di profondo, lacerante dolore. Il vuoto che lascia in ognuno di noi non è in alcun modo colmabile, non basta ripetersi che la vita continua, quel vuoto è lì come una ferita profonda che neanche il tempo riuscirà mai a cicatrizzare completamente. Ci mancherà il suo sorriso, la gentilezza, la generosità e la tenace coerenza nel suo impegno civile e politico. Addio amico caro, e che la terra ti sia davvero lieve».

Cordoglio anche da parte della Cgil di Vibo. «L’immatura morte del Compagno Nicola Arcella ci addolora profondamente e ci lascia sgomenti – si legge in una nota -. Nicola era anche un iscritto militante della nostra organizzazione e non faceva mai mancare, nelle riunioni e incontri dedicati, il suo pensiero, la sua acuta e lucida riflessione. Sempre presente, impegnato e attivo nelle tante battaglie sui diritti sociali e civili portati avanti dalla nostra organizzazione e non solo. Questa morte così inaspettata rappresenta un monito per tutti soprattutto in direzione di una più incisiva battaglia per il lavoro, i diritti e le tante fragilità economico-sociali esistenti nella società. Ci stringiamo con sentimento di grande rispetto per il gesto di Nicola – conclude la Cgil – e siamo vicini al profondo dolore della famiglia alla quale non faremo certo mancare la nostra fattiva vicinanza».

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHE: Stefanaconi, camera ardente in Comune per le esequie di Nicola Arcella

Ustioni fatali: non ce l’ha fatta il 58enne di Stefanaconi