Fratelli scomparsi in Sardegna, al via gli accertamenti del Ris

Diversi gli oggetti presi in esame dagli specialisti dei carabinieri di Cagliari. Di Davide e Massimiliano nessuna traccia dal 9 febbraio scorso
Diversi gli oggetti presi in esame dagli specialisti dei carabinieri di Cagliari. Di Davide e Massimiliano nessuna traccia dal 9 febbraio scorso
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Sono durati quasi tre ore gli accertamenti tecnici irripetibili svolti questa mattina dai carabinieri del Ris di Cagliari sui guanti e su altri reperti tra i quali una roncola, alcune scarpe, un martello e un bastone recuperati nel corso delle indagini sulla scomparsa dei due fratelli calabresi Massimiliano e Davide Mirabello, rispettivamente di 35 e 40 anni, spariti da Dolianova il 9 febbraio scorso, sulla quale la Procura di Cagliari ha aperto un’inchiesta per duplice omicidio.

Fratelli scomparsi, San Gregorio si stringe alla famiglia Mirabello – Video

Insieme agli specialisti del Ris c’erano gli avvocati Maria Grazia Monni e Patrizio Rovelli che difendono rispettivamente Joselito e Michael Marras, padre e figlio, vicini di casa dei Mirabello, iscritti nel registro degli indagati con l’ipotesi di duplice omicidio. Oggi si è trattato di un primo incontro organizzativo per catalogare anche tutti i reperti. Gli avvocati della difesa nelle prossime ore potrebbero decidere di nominare un consulente di parte che verrà da fuori Sardegna.

Fratelli scomparsi in Sardegna, parla l’avvocato: «Valutiamo nomina di un perito» – Video
Fratelli scomparsi in Sardegna, in azione i sommozzatori dei vigili del fuoco
Fratelli scomparsi in Sardegna, il sangue ritrovato è dei Mirabello

Informazione pubblicitaria