Vena Superiore, furto di attrezzature in una rivendita di marmi

I malviventi si sono introdotti nell’area privata con un mezzo al bordo del quale hanno poi caricato utensili per la lavorazione del marmo
I malviventi si sono introdotti nell’area privata con un mezzo al bordo del quale hanno poi caricato utensili per la lavorazione del marmo
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Il Coronavirus cambia le abitudini di molti, ma non di tutti, verrebbe da dire. Nella notte di mercoledì, infatti, ignoti hanno messo a segno un furto in un’azienda di marmi situata lungo la Statale 18 a Vena Superiore. I malviventi si sono portati all’interno dell’area privata con un mezzo utilizzato poi per trasportare la refurtiva, che, nello specifico, consiste prevalentemente in utensili e accessori per la lavorazione del marmo e altri dispositivi presenti negli uffici. Ancora da quantificare il provento del furto. Sul posto, allertati dai proprietari, si è recata una volante della Questura di Vibo e la Scientifica. Personale di Polizia che ha effettuato i rilievi del caso e avviato le indagini nel tentativo di risalire ai responsabili.

Informazione pubblicitaria