“Un sorriso per papà Giacomo”, ecco come contribuire alla gara di solidarietà – Video

La storia del padre di Paradisoni di Briatico, che ha lasciato il lavoro per accudire i figli, ha commosso tantissimi lettori che ci hanno chiesto di poterlo aiutare. Così abbiamo attivato una raccolta fondi online
La storia del padre di Paradisoni di Briatico, che ha lasciato il lavoro per accudire i figli, ha commosso tantissimi lettori che ci hanno chiesto di poterlo aiutare. Così abbiamo attivato una raccolta fondi online
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria
Papà Giacomo con i suoi bambini

Ci eravamo lasciati con un appello pieno di amore e dignità. Gli occhi e le parole di Giacomo hanno colpito dritto al cuore dei calabresi. In centinaia si sono fatti avanti per aiutare questo papà di Paradisoni di Briatico che abbandonato dalla moglie, ha dovuto lasciare il suo lavoro per accudire i suoi due figli Vanessa, 11 anni, e Simone di 6. 

Lascia il lavoro per accudire i figli, la storia di Giacomo tra privazioni e dignità – Video

Dopo aver trasmesso il servizio, la nostra redazione è stata inondata da messaggi di incoraggiamento e offerte di aiuto. Semplici cittadini, amministratori, imprenditori e medici. Una macchina della solidarietà che si è avviata spontanea. «Come possiamo fare per aiutare Giacomo?». Ci avete domandato in tanti. E così il nostro network, sempre  vicino alla gente, ha deciso di  avviare una raccolta fondi  attraverso la piattaforma GoFundMe. Campagna raggiungibile a questo indirizzo:

https://www.gofundme.com/f/regaliamo-un-sorriso-a-papa-giacomo?utm_source=customer&utm_medium=copy_link&utm_campaign=p_cf+share-flow-1

Informazione pubblicitaria

Sarà così possibile effettuare donazioni in modo semplice e trasparente.

La delegazione del Comune di Cessaniti

Molti anche coloro che si sono mossi individualmente, contattando il signor Giacomo Valeri per recapitargli un sostegno o dei doni (foto a lato). Come ha fatto Francesco Mazzeo, sindaco della vicina Cessaniti, che ha consegnato dei beni alimentari e dei giocattoli ai bambini, grazie ad una catena di solidarietà che si è attivata spontaneamente subito dopo la pubblicazione dell’articolo.