Migranti, in 1251 approdano a Vibo Marina. C’è anche una salma (FOTO)

La maggior parte dei profughi presenti sulla nave “Diciotti” della Guardia costiera provengono dall’Africa subsahariana. Tra di loro anche trenta donne in stato di gravidanza

La maggior parte dei profughi presenti sulla nave “Diciotti” della Guardia costiera provengono dall’Africa subsahariana. Tra di loro anche trenta donne in stato di gravidanza

Informazione pubblicitaria

È giunta al porto di Vibo Marina la nave “Diciotti” della Guardia costiera con a bordo 1251 migranti salvati nel corso di sette diversi interventi nel Canale di Sicilia. A bordo anche la salma di una donna incinta, che sarebbe morta per annegamento, e trenta donne in stato di gravidanza. La maggior parte delle persone a bordo proviene dall’Africa subsahariana.

Ad accoglierli il consueto dispositivo messo in moto dalla Prefettura con il supporto di forze dell’ordine, personale sanitario, associazioni di volontariato e di protezione civile. L’arrivo in porto è stato salutato da applausi e canti da parte dei migranti. Le loro condizioni di salute sono generalmente buone, anche se non mancano alcuni casi di scabbia.

I migranti saranno successivamente trasferiti, secondo il Piano di riparto predisposto dal Viminale, nelle diverse strutture di accoglienza presenti su tutto il territorio nazionale: 175 in Lombardia, 125 in Campania, 125 in Lazio , 75 in Piemonte, 125 in Veneto, 100 Toscana, 100 in Puglia, 125 in Emilia Romagna, 50 nelle Marche, 25 in Abruzzo, 50 in Molise, 50 in Umbria, 25 in Basilicata.

Sono 100 i migranti che rimarranno in Calabria. Resteranno nel Vibonese invece tutti i minori non accompagnati (circa 200). Questi si andranno ad aggiungere ai 560 minori attualmente ospitati in strutture d’accoglienza della provincia.