Incidente stradale nel Vibonese, diversi i feriti: ci sono anche bambini

Il sinistro è avvenuto lungo la Sp n. 17 all’altezza del bivio per Monte Poro coinvolgendo due veicoli. Sul posto 118, carabinieri e Vigili del fuoco

Il sinistro è avvenuto lungo la Sp n. 17 all’altezza del bivio per Monte Poro coinvolgendo due veicoli. Sul posto 118, carabinieri e Vigili del fuoco

Informazione pubblicitaria
Il luogo dell'incidente

E’ di sei feriti lievi, di cui tre bambini, il bilancio di un incidente avvenuto sulla Strada provinciale n. 17 all’altezza del bivio per Monte Poro e Nicotera, di fronte alla stazione di servizio.

Nel sinistro, che ha coinvolto una monovolume Lancia Z di colore grigio, a bordo del quale viaggiava un intero nucleo familiare proveniente da Tropea, e un furgone Fiat Ducato bianco che marciava in senso opposto, sono rimasti feriti, in maniera fortunatamente non grave, tutti gli occupanti. Tra loro, come detto, anche tre bambini trasportati insieme ai tre adulti in ospedale a Vibo Valentia dal personale sanitario intervenuto tempestivamente, e in forze, sul posto. Gli stessi, a causa dell’impatto, avrebbero riportato solo lievi escoriazioni.

Nel luogo dell’incidente, per accertare l’esatta dinamica dei fatti, si sono portati anche i carabinieri della competente Stazione di Rombiolo e quelli della Compagnia di Tropea che hanno provveduto inoltre a regolare la viabilità che ha subito dei rallentamenti. Secondo una prima ricostruzione, il furgone era fermo al centro della strada pronto a svoltare in una stradina secondaria quando è stato investito dall’auto che sopraggiungeva a velocità sostenuta. A causa dell’impatto la macchina si è poi ribaltata in un vicino terreno. Secondo alcune testimonianze, un terzo veicolo, poi allontanatosi rapidamente, avrebbe concorso a causare l’incidente con una manovra azzardata

Necessario pure l’intervento dei Vigili del fuoco del Comando provinciale che hanno facilitato le operazioni di soccorso. I feriti, dopo essere stati medicati in ospedale a Vibo, sono stati tutti dimessi.