giovedì,Giugno 17 2021

Da Mileto ad Arena per spacciare marijuana, due arresti

I carabinieri li hanno sorpresi a dialogare con un acquirente. Sono stati sanzionati anche per non aver rispettato la normativa sul coronavirus

Da Mileto ad Arena per spacciare marijuana, due arresti

I carabinieri della Stazione di Arena, nel corso di un servizio di controllo del territorio, hanno arrestato Domenico Evolo, 22enne originario di Paravati di Mileto, e Mykola Vardaro, 23enne ucraino domiciliato a Mileto, per spaccio di sostanze stupefacenti del tipo marijuana.

Notata la presenza di un’autovettura insolita nei pressi di un’abitazione nel territorio comunale di Arena e la presenza di due sconosciuti che dialogavano con una terza persona, i militari dell’Arma – insospettiti dalle motivazioni addotte circa la loro presenza – hanno deciso di effettuare una perquisizione veicolare. E’ stato così rinvenuto, all’interno del motore situato nel cofano anteriore, un vano creato in un condotto di areazione. La perquisizione è stata estesa nelle immediate adiacenze del veicolo con il rinvenimento un involucro di carta alluminio e nastro isolante nero, del peso lordo di circa 45 grammi, in cui si trovava della sostanza stupefacente del tipo marijuana per complessivi 30 grammi. La sostanza stupefacente è stata riconosciuta come in possesso dei due soggetti di Mileto.

A questo punto i militari dell’Arma hanno deciso di effettuare una perquisizione domiciliare a casa della persona di Arena rinvenendo ulteriori 7 grammi di marijuana. A casa di Evolo rinvenuto poi un altro involucro di marijuana di modica quantità, confezionato come l’involucro ritrovato ad Arena. I successivi accertamenti investigativi hanno permesso di ricostruire i ruoli dei tre soggetti, ed in particolare degli spacciatori e dell’acquirente.

Le due persone di Mileto, quindi, sono state arrestate per spaccio di sostanze stupefacenti, del tipo marijuana, e su disposizione dell’autorità giudiziaria di Vibo Valentia ristretti agli arresti domiciliari in attesa del rito per direttissima. L’acquirente di Arena è stato invece segnalato amministrativamente, quale assuntore, alla Prefettura di Vibo Valentia. Ovviamente i tre sono stati sanzionati anche amministrativamente per le violazioni sancite dalla normativa vigente per il contenimento del contagio da coronavirus sia per l’assembramento creato che per lo spostamento ingiustificato.

top