Monterosso, scoperta e sequestrata maxi-piantagione di marijuana

Circa 1200 piantine, che ricoprivano una superficie pari a quattro campi da tennis, sono state individuate dalla Guardia di finanza. Nei pressi della coltivazione ritrovata anche un’automobile rubata

Circa 1200 piantine, che ricoprivano una superficie pari a quattro campi da tennis, sono state individuate dalla Guardia di finanza. Nei pressi della coltivazione ritrovata anche un’automobile rubata

Informazione pubblicitaria
La piantagione scoperta a Monterosso

I finanzieri della Compagnia di Vibo Valentia, nei giorni scorsi, hanno individuato, in località Difesa del comune di Monterosso Calabro, occultata tra alberi di alto fusto e difficilmente raggiungibile attraverso piante di rovi e di macchia mediterranea, una coltivazione illegale, organizzata su un’area demaniale di oltre 1.000 metri quadrati (grande quasi quanto quattro campi da tennis), con 1.200 piante di cannabis indica dell’altezza variabile tra cinquanta centimetri e un metro.

Nei pressi della piantagione, nascosta tra la vegetazione, è stata poi rinvenuta dalla Guardia di finanza un’autovettura (una Fiat 500L) che ai successivi controlli è risultata rubata nelle scorse settimane in provincia di Cosenza. Di entrambi i ritrovamenti è stata informata la Procura di Vibo Valentia che ha disposto sia il sequestro e la contestuale distruzione della piantagione, sia il sequestro dell’autovettura oggetto di furto.

La coltivazione, a fioritura completa, avrebbe prodotto oltre 4 quintali di marijuana. Lo stupefacente, una volta essiccato ed immesso sul mercato, avrebbe fruttato un guadagno di almeno 400mila euro. Le indagini delle Fiamme gialle vibonesi sono ancora in corso per individuare i responsabili delle attività illecite in questione.