Truffa e sostituzione di persona, assolta a Vibo

L’imputata, residente a Limbadi, era accusata di aver aperto un conto corrente a nome di terza persona e acquistato dei beni
L’imputata, residente a Limbadi, era accusata di aver aperto un conto corrente a nome di terza persona e acquistato dei beni
Informazione pubblicitaria

Assoluzione per non aver commesso il fatto. Questo il verdetto del Tribunale monocratico di Vibo Valentia, presieduto dal giudice Rosamaria Luppino, nei confronti di M.M., di Limbadi, accusata di truffa aggravata in continuazione e sostituzione di persona per aver aperto un conto corrente bancario a nome di terza persona e acquistato alcuni beni in diversi esercizi commerciali. Per simili contestazioni la donna, difeso dall’avvocato Carmine Pandullo, era già stata assolta anche nel gennaio scorso. La difesa è riuscita a dimostrare l’infondatezza delle accuse mosse evidenziando, come l’imputata fosse da ritenersi ella stessa persona offesa.