Avvocato arrestato: il Consiglio dell’Ordine di Vibo trasmette gli atti a Catanzaro

Sarà il Consiglio distrettuale di disciplina ad occuparsi degli eventuali provvedimenti relativi alla continuazione dell’attività professionale e del mantenimento dell’iscrizione all’albo

Sarà il Consiglio distrettuale di disciplina ad occuparsi degli eventuali provvedimenti relativi alla continuazione dell’attività professionale e del mantenimento dell’iscrizione all’albo

Informazione pubblicitaria

Il Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Vibo Valentia ha trasmesso gli atti relativi alla vicenda giudiziaria che vede coinvolto l’avvocato Alfredo Mercatante (finito agli arresti domiciliari) al Consiglio distrettuale di disciplina di Catanzaro per tutte le valutazioni che il caso richiede. Il legale di San Costantino Calabro, paese in cui in passato ha svolto anche la carica pubblica di sindaco, secondo l’accusa della Guardia di finanza avrebbe totalizzato oltre 1500 giornate di assenza (fra malattia, congedo biennale per assistenza a familiare e aspettativa per motivi familiari), coincidenti, con gli interi periodi di lezione dell’anno scolastico. Il docente, nei periodi di assenza, in realtà svolgeva prevalentemente la sua attività di avvocato a Vibo Valentia. 

Il Consiglio distrettuale di disciplina dovrà decidere sulle sanzioni che riterrà adeguate dal caso, dalla sospensione dall’attività forense alla possibile radiazione dall’albo degli avvocati.

L’ipotesi di reato formulata nei confronti dell’avvocato Alfredo Mercatante è quella di truffa ai danni dello Stato. I compensi di insegnante percepiti indebitamente ammonterebbero a quasi 100mila euro. 

In malattia dalla scuola di Lodi per 5 anni, ma faceva l’avvocato a Vibo (NOME)

Docente in malattia a Lodi ed avvocato a Vibo, concluso l’interrogatorio dal gip