Droga sotto il letto e pistola nell’armadio, vibonese a processo

Il gip del Tribunale di Vibo dispone il giudizio immediato nei confronti di un 21enne arrestato a marzo dai carabinieri

0
2

Il gip del Tribunale di Vibo dispone il giudizio immediato nei confronti di un 21enne arrestato a marzo dai carabinieri

Informazione pubblicitaria

Detenzione ai fini di spaccio di marijuana, ricettazione di una pistola, detenzione abusiva di munizioni, detenzione e porto illegale di arma clandestina. Questi i reati per i quali il gip del Tribunale di Vibo Valentia Gabriella Lupoli, accogliendo la richiesta del pm Concettina Iannazzo, ha disposto il giudizio immediato nei confronti di Loris Palmisano (in foto), 21 anni, di Vibo. Il gip ritenendo evidente la prova raggiunta – costituita dalla comunicazione della notizia di reato redatta dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Vibo Valentia e dai verbali di arresto, perquisizione e sequestro – ha mandato a giudizio l’imputato con udienza fissata dinanzi al Tribunale collegiale per il 14 novembre prossimo.

Informazione pubblicitaria

La pistola e le munizioni erano state trovate dai carabinieri il 27 marzo scorso nel corso di una perquisizione nell’armadio della camera da letto di Palmisano. In particolare, a seguito della perquisizione saltava fuori una pistola Beretta con matricola abrasa e un caricatore con 15 cartucce calibro 9 parabellum.

Inoltre, sotto il letto, all’interno di una scatola di scarpe, i carabinieri hanno rinvenuto a casa di Pamisano (difeso dagli avvocati Francesco Sabatino e Francesco Lione) circa 10 grammi di “marijuana”.

Il giovane, che in passato aveva militato nel settore giovanile della Vibonese calcio, il 15 ottobre dello scorso anno era giunto da solo in Pronto soccorso a Vibo con profonde ferite da arma da taglio che si sarebbe procurato nel corso di una lite.