Provinciale Vibo-Sant’Onofrio nel degrado, Profiti (Pd): «Intervenire al più presto»

Il consigliere provinciale interviene per sollecitare chi di competenza a procedere «ai necessari provvedimenti per la sicurezza degli utenti»
Il consigliere provinciale interviene per sollecitare chi di competenza a procedere «ai necessari provvedimenti per la sicurezza degli utenti»
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

È «preoccupante la situazione sulla Strada provinciale n. 4 Sant’Onofrio-Vibo Valentia, fondamentale rete viaria locale. L’arteria è diventata un pericolo per gli automobilisti, i guardrail sono inesistenti, la carreggiata si va sempre più a restringere sia per lo sprofondamento in alcuni punti del manto stradale, sia per la folta vegetazione che la devasta, ma, quel che è ancora peggio, è che detta situazione non è in alcuna maniera segnalata a discapito soprattutto dell’automobilista occasionale, il quale si trova all’improvviso di fronte ad un notevole restringimento della carreggiata, con possibilità potenziale di scontrarsi con l’automobilista proveniente dal senso opposto di marcia». Ad affermarlo, in un comunicato stampa, è Gregorio Profiti, consigliere provinciale del Pd.

«La situazione – spiega l’interessato – necessita di interventi strutturali urgenti, bisogna porre in sicurezza l’area, poiché ogni qual volta si verificano temporali, il terreno diventa sempre più franoso, determinando un elevato rischio idrogeologico. È un diritto fondamentale garantire la sicurezza, l’incolumità delle persone e delle cose, infatti proprio nel rispetto di esse, dovrebbe essere adeguatamente e regolarmente manutenuta. Non si può rimanere inerti, di fronte alle numerose segnalazioni verbali e scritte fatte pervenire presso gli uffici provinciali di competenza, è necessario intervenire con la massima urgenza ed è per questo che, ancora una volta, sono a chiedere, in qualità di assessore del Comune di Sant’Onofrio, nonché consigliere provinciale, di prendere a chi di competenza i necessari ed indifferibili provvedimenti per la sicurezza degli utenti tutti».

Informazione pubblicitaria