Zungri, una P38 nascosta tra travi e ponteggi: arrestato un 28enne – Video

In manette è finito il titolare di un’impresa edile il cui nome era già finito negli atti dell’inchiesta Rinascita-Scott
In manette è finito il titolare di un’impresa edile il cui nome era già finito negli atti dell’inchiesta Rinascita-Scott
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Dalle prime luci dell’alba, i militari della Compagnia Carabinieri di Vibo Valentia, con l’ausilio dello Squadrone Eliportato Cacciatori e di unità cinofile, hanno avviato una operazione che si è estesa sino al territorio di Zungri, dove in una serie di casolari, abilmente occultata sotto una catasta di travi e ponteggi, è stata rinvenuta una potente pistola Walter P38 calibro 9×17, con matricola abrasa e completa di munizionamento.

A farne le spese è stato il proprietario del terreno, Costantino Gaudioso, 28 anni, titolare di una impresa edile, il cui nome era già comparso nelle carte dell’inchiesta Rinascita-Scott e per il quale è scattato l’arresto e la successiva traduzione presso la Casa Circondariale di Vibo Valentia, su disposizione del pm di turno, Eugenia Belmonte. [Continua]

Informazione pubblicitaria

Solo pochi giorni orsono, grazie a numerose perquisizioni operate sempre dai Carabinieri di Vibo, nella popolare area del capoluogo, in un sottoscala di viale della Pace, erano stati sequestrati un potente fucile a pompa, armi bianche e numeroso munizionamento, in danno di un 64enne, tratto in arresto, padre di altro soggetto destinatario di misura restrittiva sempre nell’ambito dell’inchiesta “Rinascita”, ritenuto appartenente alla cosca dei RanisiPardea.

Prosegue, dunque, senza sosta l’attività dei Carabinieri di ricerca e sequestro di armi illecitamente detenute nel territorio vibonese, sotto la direzione dell’autorità giudiziaria di Vibo Valentia, che solo qualche giorno fa, attraverso il Procuratore Camillo Falvo aveva chiaramente lanciato una sorta di ultimatum, palesando l’impegno congiunto di magistratura e Forze di polizia per porre un serio argine ai fatti di sangue consumati con la disponibilità di armi clandestine, da mani armate troppo spesso da futili motivi e/o banali litigi.