Vibo Valentia: semafori-totem non funzionanti e lasciati all’incuria

La denuncia del Meetup “Vibonesi in Movimento - Amici di Beppe Grillo” sulla mancanza di manutenzione di molti impianti

La denuncia del Meetup “Vibonesi in Movimento - Amici di Beppe Grillo” sulla mancanza di manutenzione di molti impianti

Informazione pubblicitaria

Dal Meetup “Vibonesi in Movimento – Amici di Beppe Grillo riceviamo e pubblichiamo: 

Informazione pubblicitaria

“In passato la classe politica vibonese decise di destinare dei fondi per l’installazione di semafori nella nostra città. Sin qui nulla da eccepire. Solo che sorge spontanea una domanda: a questi strumenti non è necessario applicare una manutenzione continuativa? I punti in cui essi sono installati sono molteplici, a partire da Vibo città fino a giungere a Vibo Marina. Oggi è facile osservare come questi semafori siano danneggiati dal tempo e dall’incuria, addirittura in alcuni punti non funzionanti da anni mentre in altri funzionano ad intervalli irregolari. Alcuni esempi si possono fare con i semafori che si trovano all’ingresso della città, esattamente all’imbocco della Statale 606 che collega Vibo Valentia a Sant’Onofrio, e quelli nel quartiere di Vibo Marina, nel punto di confine tra Bivona e Vibo Marina, che non funzionano da molti anni. 

 E’ giunta l’ora di porre l’attenzione sulla sicurezza stradale e pedonale, che non è  assolutamente di secondaria importanza. I semafori nascono con l’idea di agevolare lo scorrimento degli autoveicoli, lo snellimento del traffico e di coadiuvare il pedone ad attraversare da un marciapiede ad un altro. I cittadini si sono adeguati a questo handicap e molte volte si ritrovano coinvolti in incidenti che si sarebbero potuti evitare se questi semafori fossero stati funzionanti. 

E’ necessario tenere in conto che, oramai, in ogni famiglia quasi tutti i componenti maggiorenni sono possessori di un autoveicolo e necessitano quindi di essere salvaguardati durante la guida.

E perché no… in alcuni punti della nostra provincia, dove la situazione morfologica dell’area lo consente, la soluzione ottimale, anche per contenere i costi di manutenzione, potrebbe essere quella della rotatoria che rappresenta uno degli interventi di mobilità più rapidi ed efficaci avendo un’importante funzione sia nella moderazione della velocità che nello smaltimento del traffico. 

Il Meetup “Vibonesi in Movimento – Amici di Beppe Grillo” tramite il suo organizer Riccardo Tucci chiede quindi dei chiarimenti sul perché questi semafori non funzionino come dovrebbero. Sono stati disattivati volontariamente o si è deciso di lasciarli come dei totem in bella vista?”