martedì,Giugno 15 2021

La CP 265 della Guardia Costiera di Vibo a Ibiza per collaborare con le autorità spagnole

La motovedetta partecipa a un’operazione nell’ambito del programma Frontex che ha il compito di controllare l’immigrazione proveniente dal Nord Africa

La CP 265 della Guardia Costiera di Vibo a Ibiza per collaborare con le autorità spagnole
La CP 265 nel porto di Ibiza

La motovedetta CP 265 della Guardia Costiera di Vibo Marina, al comando di Paolo Fedele, è giunta nel porto spagnolo di Ibiza ( Isole Baleari) proveniente da Almeria, porto andaluso prospiciente le coste del Marocco. L’unità navale partecipa a un’operazione nell’ambito del programma denominato Frontex ( Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera) che si svolge in collaborazione con le autorità spagnole ed ha il compito di controllare l’immigrazione proveniente dal Nord Africa.

L’imbarcazione, che ha la sua base nel porto di Vibo Marina, può essere ormai considerata una veterana in tale tipo di operazioni. La CP 265 ha infatti svolto, negli ultimi anni, importanti missioni nel mare Egeo tra Grecia e Turchia, a Lampedusa e a Lesbo (Grecia), considerati i luoghi più caldi dell’immigrazione irregolare che partendo dalle coste dell’Africa Settentrionale si dirige verso l’Europa.

In particolare, nell’ambito dell’operazione denominata “Poseidon”, la motovedetta ha prestato soccorso a circa quattrocento migranti effettuando 38 missioni e procedendo al fermo di sette scafisti. Per tale attività, l’equipaggio dell’unità ha ricevuto, nel 2018, un riconoscimento da parte delle autorità greche “ per la professionalità e l’esemplare impegno a salvaguardia della vita umana in mare”.

La motovedetta della Guardia costiera italiana, lunga 30 metri e con a bordo un equipaggio di undici uomini, rimarrà nell’isola delle Baleari fino a domenica, quando lascerà il porto di Ibiza per fare rotta verso la sua base di Vibo Marina.

top