Nascondeva 350 chili di botti illegali in un magazzino, un arresto a Parghelia (VIDEO)

I carabinieri della Compagnia di Tropea indagano anche su materiale ricettato, tra cui una stampante rubata al Comune, e sulla detenzione di animali di particolare specie

I carabinieri della Compagnia di Tropea indagano anche su materiale ricettato, tra cui una stampante rubata al Comune, e sulla detenzione di animali di particolare specie

Informazione pubblicitaria
Il sequestro effettuato a Parghelia
Informazione pubblicitaria

I carabinieri della Compagnia di Tropea, hanno arrestato un uomo di Parghelia, Marcello Gasparro,  proprietario di un deposito abusivo di “artifizi pirotecnici”. Nel corso della perquisizione effettuata all’interno del magazzino, sono stati ritrovati più di 350 chilogrammi di fuochi pirotecnici artigianali ed importati con 2 valigette di centraline per l’esplosione a distanza, unitamente ad un passamontagna e due pistole a salve

Informazione pubblicitaria

Il materiale era in pessimo stato di conservazione. Sono state poi rinvenute all’interno del locale alcune bombole a gas che avrebbero provocato ingenti danni all’intero palazzo ed agli esercizi commerciali limitrofi. Data la gravità di quanto rilevato sono intervenuti in supporto anche i Carabinieri Artificieri di Cosenza e Reggio Calabria che hanno catalogato la merce mettendo in sicurezza il materiale esplodente rinvenuto.

Nel corso delle operazioni è stata ritrovata anche una stampante laser professionale del valore di 5.000 euro circa oggetto di furto al Comune di Parghelia lo scorso anno. Gli accertamenti sono stati estesi ad una campagna in uso all’arrestato all’interno della quale si accertava la presenza di diversi animali tra cui molti volatili di particolare specie in via d’estinzione, tenuti in pessime condizioni igienico sanitarie, per i quali sono in corso accertamenti da parte di personale specializzato dei Carabinieri Forestali.

Il tutto è stato sottoposto a sequestro per le indagini successive volte all’identificazione di eventuali complici.