Rinascita-Scott, la decisione del Tribunale di Vibo: un solo dibattimento per tre tronconi processuali

Stralciate alcune posizioni per difetti di notifica e altre poiché gli imputati si trovano in isolamento sanitario per covid
Stralciate alcune posizioni per difetti di notifica e altre poiché gli imputati si trovano in isolamento sanitario per covid
Informazione pubblicitaria
L'aula bunker di Lamezia nel primo giorno del processo

Riuniti dal Tribunale collegiale di Vibo Valentia (presidente Brigida Cavasino, a latere i giudici Gilda Romano e Claudia Caputo) i tre tronconi del processo con rito ordinario nato dalla maxi-operazione antimafia Rinascita-Scott. Al troncone principale, che vede sotto processo 322 imputati, è stato unito quello che vede a giudizio Francesco Cracolici di Maierato, Giuseppe Camillò di Vibo Valentia, Franco Barba di Vibo. Unito a tali due tronconi anche quello con gli imputati che avevano scelto il giudizio immediato: gli avvocati Giancarlo Pittelli e Giulio Calabretta, l’imprenditore vibonese Mario Lo Riggio, l’ex sindaco di Nicotera (ed ex consigliere provinciale di Vibo) Salvatore Rizzo. A rappresentare l’accusa oggi in aula il procuratore di Catanzaro, Nicola Gratteri, ed i pm della Dda, Annamaria Frustaci e Antonio De Bernardo.
Per altri imputati, la cui posizione è stata stralciata e sono già stati rinviati a giudizio, la riunione deve ancora essere decisa. Stralciati tutti gli imputati in isolamento sanitario per Covid: Angelo Accorinti, 30anni, di Zungri; Bruno Barba, 47 anni, di Vibo Valentia; Giuseppe Barbieri, 29 anni, di Rombiolo; Francesco Carnovale, 53 anni, di Vibo Valentia; Emanuele La Malfa, 34 anni, di Limbadi; Valerio Navarra, 28 anni, di Pernocari di Rombiolo; Nazzareno Fiorillo, 56 anni, di Piscopio, detti “U Tartaru”; Francesco Fortuna, 41 anni, di Sant’Onofrio; Giovanni Rizzo, 49 anni, di Nicotera. [Continua dopo la pubblicità]

Stralciate anche le posizioni – per difetti di notifica del decreto dispositivo del giudizio – nei confronti di: Pietro Grillo, Luigi Incarnato, Alessandro Iannarelli, Caterina Cichello, Francesco Barbieri (cl. ’88), Dimitrova Zhivka. Tali posizioni verranno discusse nell’udienza del 9 febbraio prossimo.