Ad otto anni dalla sua tragica morte Zambrone ricorda Aldo Ferraro

Vittima di una “morte bianca” nel 2010, la sua drammatica fine scosse profondamente la comunità. Una celebrazione eucaristica voluta da familiari e amici ne omaggerà la memoria

Vittima di una “morte bianca” nel 2010, la sua drammatica fine scosse profondamente la comunità. Una celebrazione eucaristica voluta da familiari e amici ne omaggerà la memoria

Informazione pubblicitaria
Aldo Ferraro
Informazione pubblicitaria

Rimane vivo il ricordo di Aldo Ferraro. L’attaccamento alla famiglia così come i valori di lealtà, generosità e amicizia non sono stati scalfiti dallo scorrere del tempo. Sono passati 8 anni da quel tragico giorno. Aldo aveva poco più di trent’anni quando è deceduto nello svolgimento del proprio lavoro. Un incidente provocato dal crollo di un muro di contenimento a Bocale, nel Reggino, strappò la vita del giovane zambronese. Una morte bianca che scosse profondamente la cittadina costiera così come i paesi limitrofi.

Informazione pubblicitaria

La famiglia e gli amici lo ricorderanno con una celebrazione eucaristica, presieduta da padre Luigi Scordamaglia, nella chiesa “San Carlo” di Zambrone, giovedì 8 febbraio alle 18.30. Il ricordo, in questi anni, s’è tramutato in impegno attivo. L’associazione “Amici di Aldo” ha portato avanti sia iniziative atte a veicolare i temi della solidarietà, sia incontri sportivi nel periodo estivo. Ad Aldo Ferraro è stato anche intitolato il campetto sportivo di Zambrone. Un momento speciale a testimonianza dell’immutato affetto da parte della comunità.