I riti della Settimana Santa a Vibo, incontro al Centro di aggregazione

La Pietà popolare, tra religione e superstizione, sarà al centro dell’iniziativa promossa dall'associazione ViboInsieme, in collaborazione con l'Arciconfraternita del Rosario e con il Cas “Solidarietà ed Amicizia” 

La Pietà popolare, tra religione e superstizione, sarà al centro dell’iniziativa promossa dall'associazione ViboInsieme, in collaborazione con l'Arciconfraternita del Rosario e con il Cas “Solidarietà ed Amicizia” 

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Tra religione e superstizione, la religiosità popolare è stata vista ora come espressione di pura di fede e devozione da parte del popolo, ora come deviazione dai principi e dai riti ortodossi della religione cattolica. L’espressione “Pietà popolare” ha finito per designare manifestazioni di fede che partono dagli strati più bassi della popolazione e che spesso non trovavano spazio e riconoscimento da parte dell’ortodossia cattolica. La pietà religiosa popolare è fatta di simboli e linguaggi propri che esprimono purezza e spontaneità, ma che sono anche lontani dalla casualità o dall’improvvisazione. Sono riti profondamente radicati nella cultura popolare e anche per questo consentono un approccio meno formale e meno intellettuale alla religione.

Informazione pubblicitaria

Su questo argomento, con particolare riferimento ai riti della Settimana Santa a Vibo Valentia, l’associazione storico culturale ViboInsieme, in collaborazione con l’Arciconfraternita Maria SS. Del Rosario e San Giovanni Battista e con il Centro di Aggregazione Sociale “Solidarietà ed Amicizia”, ha organizzato un incontro per giovedì 22 marzo alle ore 18.20, nella Sala Oscar del Centro di Aggregazione in via Enrico Gagliardi a Vibo Valentia. A relazionare sul tema degli antichi riti e processioni monteleonesi sarà monsignor Filippo Ramondino, rettore della stessa Arciconfraternita, dopo i saluti della presidente del Centro, Donatella Fazio e del priore Francesco Colelli. Il dibattito sarà coordinato dal giornalista e avvocato Michele La Rocca, dirigente dell’associazione ViboInsieme.