Il gruppo Folk di Tropea sbarca in Sardegna a rappresentare la Calabria

E’ l’unico gruppo ospite italiano a Selargius per la 58esima edizione dell’antico sposalizio selargino

E’ l’unico gruppo ospite italiano a Selargius per la 58esima edizione dell’antico sposalizio selargino

Informazione pubblicitaria
Il gruppo Folk "Città di Tropea"
Informazione pubblicitaria

Una nuova e prestigiosa esperienza per il “Gruppo folk Città di Tropea”, che andrà ad arricchire la vita dell’associazione, presieduta da Andrea Addolorato, e a pubblicizzare al meglio gli usi e i costumi di Tropea. L’associazione tropeana è stata invitata alla 58^ Edizione de “L’antico Sposalizio Selargino” dove, nella città cagliaritana di Selargius, dal 7 al 9 Settembre si rivivrà  lo storico matrimonio Campidanese, che fra le tante riproposizioni di matrimoni tradizionali risulta essere il più spettacolare della Sardegna. I componenti del gruppo folk “Città di Tropea”, unici ospiti provenienti da altra regione, insieme a ben 44 gruppi sardi potranno vivere personalmente il richiamo allo storico matrimonio Campidanese, dove il confine fra passato e presente si trasforma in un viaggio etnografico, un percorso che restituisce luce e vita ad un’epoca fatta di ruralità e lavoro, ma soprattutto dell’eterna alleanza fra uomo e terra, in un inno a ciò che il tempo ha costruito e in un canto a ciò che la memoria ha conservato. In occasione della festa, Selargius si trasformerà nel centro di tutta la Sardegna, accogliendo i colori e le genti di un’intera Isola, i loro linguaggi, le loro emozioni, in un trionfo di ricchezze etniche e culturali. Il cuore della festa è la cerimonia, cadenzata da un fitto alternarsi di momenti che la precedono: le varie serenate nelle vie della città, la vestizione degli sposi nelle rispettive abitazioni, il lungo corteo nuziale, la sfilata nelle strade della città ed infine l’arrivo nella chiesa della Santissima Vergine Assunta. Sono questi i passaggi che anticipano, la lunga celebrazione, in lingua campidanese, di questo rito originale, ricco di emozioni, e dove gli sposi pronunceranno il fatidico sì; e così, dopo lo scambio degli anelli, le loro mani verranno unite dalla catena nuziale, simbolo del vincolo perpetuo instaurato dal sacramento. Terminata la messa gli sposi usciranno fra gli applausi di una piazza gremita di fedeli e cittadini, accompagnati dal lancio di due colombe, e da lì il grande corteo che accompagnerà gli sposi verso il banchetto nuziale, celebrato nella piazza della città. “Un nuovo importante tassello per la nostra associazione – dichiara Andrea Addolorato, presidente del “Gruppo folk Città di Tropea”– che va ad arricchire il bagaglio culturale di tutti i soci dell’associazione e che pubblicizzerà al meglio la nostra amata città. Molte volte, in questi anni, ci siamo interfacciati con gruppi sardi in occasione di importanti manifestazioni, ma mai siamo andati direttamente in Sardegna per partecipare ad incontri così profondi e diretti con la cultura sarda. Sono molto contento per la nostra associazione, ma lo sono ancora di più per la nuova esperienza che potrà essere vissuta anche da alcuni componenti del gruppo dei “piccoli”, che dovranno essere il nostro futuro e sono la nostra speranza per una lunga vita dell’associazione”. 

Informazione pubblicitaria