Mileto, si lavora alla nascita della Consulta della cultura

Gettate le basi per l’istituzione dell’organismo. Tra i partecipanti all’incontro operativo il sindaco Giordano, il vescovo Renzo e il direttore del Cantiere musicale Giordano

Gettate le basi per l’istituzione dell’organismo. Tra i partecipanti all’incontro operativo il sindaco Giordano, il vescovo Renzo e il direttore del Cantiere musicale Giordano

Informazione pubblicitaria

È partita la macchina organizzativa tesa a dar vita a una Consulta della cultura sul territorio comunale di Mileto. Le basi sono state poste nel corso di un incontro svoltosi nella sede municipale di Palazzo dei normanni, alla presenza del vescovo della diocesi, monsignor Luigi Renzo, del neo sindaco Salvatore Fortunato Giordano, del direttore del Cantiere musicale internazionale Roberto Giordano, di rappresentanti del Museo statale e dell’associazione culturale “Accademia Milesia” e di altre personalità e realtà di settore. Dall’incontro, voluto dal primo cittadino, è emersa la necessità di istituire un organismo che, partendo dalla cultura e dall’enorme patrimonio proprio della cittadina normanna, aiuti a superare i campanilismi e a ritrovare quel senso di appartenenza che permetta di lavorare in sinergia e di realizzare il bene comune. E, ancora, una realtà che consenta di formulare proposte e pareri in ambito socio-culturale a favore del territorio, che il Comune potrà fare proprie e proporre con più forza nelle sedi appropriate, per essere finanziate e avallate dalle istituzioni extraterritoriali. 

Informazione pubblicitaria

Un’equipe si metterà adesso al lavoro per formulare una bozza di statuto e di regolamento. I presenti si sono dati appuntamento a fine agosto, per discutere la documentazione stilata e mettere nero su bianco la nascita della Consulta della cultura comunale. A quel punto si potranno meglio definire i criteri e le componenti che faranno parte del nuovo organismo istituzionale. Rimane un punto fermo su cui tutti i presenti si sono trovati d’accordo: a fungere da presidente onorario sarà lo stesso monsignor Renzo.