“Il paradiso degli artisti”, applausi a scena aperta per il musical della Spops

La Scuola popolare di spettacolo ha sede a Stefanaconi e ha messo in scena lo spettacolo di fine anno accademico all’auditorium dello Spirito Santo di Vibo 

La Scuola popolare di spettacolo ha sede a Stefanaconi e ha messo in scena lo spettacolo di fine anno accademico all’auditorium dello Spirito Santo di Vibo 

Informazione pubblicitaria
Un momento del musical
Informazione pubblicitaria

E’ andato in scena lo scorso 12 luglio nell’auditorium Spirito Santo di Vibo Valentia “Il paradiso degli artisti”, musical di fine anno accademico targato Scuola popolare di spettacolo (Spops), con la regia di Leone Erca, la direzione artistica e coreografica di Alessandra Itria e il vocal coaching di Sabrina Consoli. “Il paradiso degli artisti” racconta, in chiave ironica e allo stesso tempo nostalgica, un viaggio nell’Aldilà durante il quale Franco Califano (interpretato da Leone Erca) insieme alla sua amica e complice Gabriella Ferri (Alessandra Itria) incontrano tanti artisti, colleghi, amici. Così il paradiso si colora di rosa con Edith Piaf (Caterina Matina), diventa saloon con Fred Buscaglione (Mattia Arcella), si elettrizza con Michael Jackson (Maria Grazia Costantino) e ancora si riempie di pois con Renato Carosone (Nicola Pio Maragò), si tinge di disperazione con Mia Martini (Francesca Scannadinari), diventa hippie con Janis Joplin (Aisha Ait Ghoutiss), divertente con Lucio Dalla (Rosario Patania), rabbioso con Dolores O’ Riordan (Iris Lipari) ed infine misterioso ed esplosivo con Aaliyah (Nadia Ait Ghoutiss). Ma l’intento del Califfo e di Gabriella è quello di organizzare un concerto in paradiso dedicato agli umani che, esclusivamente per quella sera magicamente, possono riuscire a vederli. Il concerto si chiama, appunto, “Il paradiso degli artisti” ed è la parte conclusiva del musical fatta interamente da musiche inedite scritte, arrangiate e composte da Alessandra Itria e Leone Erca. Lo spettacolo si conclude con Califfo rimasto nuovamente solo con il suo angioletto (Ilary Lipari) che saluta gli umani… non escludendo un ritorno. 

Informazione pubblicitaria

L’intero spettacolo è stato cantato dal vivo, tranne per il brano di apertura “New York New York” in cui volutamente Califano fa il playback sulla voce di Frank Sinatra e si è arricchito delle coreografie eseguite dal corpo di ballo formato dagli allievi piccoli e grandi della SpopS: Ilary Lipari, Giusy Patania, Beatrice Fortuna, Aurora Lipari, Aisha Ait Ghoutiss, Maria Grazia Costantino, Iris Lipari, Aleksa Quattrone, Paola Policaro, Elisa Patania, Maria Grazia Patania, Caterina Matina, Francesca Scannadinari, Nadia Ait Ghoutiss, Rosario Patania, Mattia Arcella e Nicola Pio Maragò. Il direttore artistico Alessandra Itria ha così commentato: «Credo sia molto più facile far piangere il pubblico piuttosto che farlo ridere, invece li ho sentiti ridere di cuore alle nostre battute. E’ scesa anche qualche lacrima e poi fiumi di applausi per noi e per i nostri allievi, un’emozione unica capace di ripagarti dei tanti sacrifici e del sudore nostro nelle ore ed ore di allenamento in sala prove». Per il regista Leone Erca: «Vedere un’intera platea in piedi che non ha smesso un solo istante di applaudire ed esultare dalla fine dello spettacolo e per tutto il tempo dei saluti e dei vari ringraziamenti non ha prezzo. Noi SpopS non finiremo mai di ringraziare il sindaco di Stefanaconi nonché presidente della Provincia di Vibo Valentia Salvatore Solano che ha permesso e continua a permettere che il cuore della nostra scuola di spettacolo continui a battere».