I Ris di Messina sulle tracce di re Gioacchino Murat

È stata aperta nel Duomo di Pizzo, la cripta sotterranea dove si suppone possano essere sepolte le spoglie del re di Napoli, giustiziato nella cittadina tirrenica nell’ottobre del 1815. Il verdetto definitivo è atteso dopo il 30 marzo quando sarà il test del Dna effettuato dal reparto scientifico dei carabinieri a sciogliere ogni dubbio.

È stata aperta nel Duomo di Pizzo, la cripta sotterranea dove si suppone possano essere sepolte le spoglie del re di Napoli, giustiziato nella cittadina tirrenica nell’ottobre del 1815. Il verdetto definitivo è atteso dopo il 30 marzo quando sarà il test del Dna effettuato dal reparto scientifico dei carabinieri a sciogliere ogni dubbio.

L'apertura della cripta nel Duomo di Pizzo
Informazione pubblicitaria

La cripta sotterranea del Duomo di Pizzo, dove presumibilmente è sepolto il corpo Gioacchino Murat, è stata aperta. È avvenuto questa mattina, alla presenza, tra gli altri, del sindaco Gianluca Callipo, dell’assessore alla Cultura Cristina Mazzei, del presidente dell’associazione Murat Onlus, Giuseppe Pagnotta, e del parroco del Duomo, don Pasquale Rosano.

Informazione pubblicitaria

L’operazione, compiuta con grande discrezione così come aveva chiesto la Diocesi, per il rispetto dovuto ai defunti che riposano in questo antico luogo di sepoltura, è il primo passo per giungere con certezza all’identificazione delle spoglie del Re di Napoli, che nell’ottobre del 1815 fu catturato, imprigionato e ucciso nella città napitina. Il 30 marzo prossimo saranno poi i carabinieri del Ris a calarsi nella cripta per effettuare prelievi biologici e consentire così, nelle settimane successive, il test del Dna.

La rimozione di una delle tre pesanti lastre di marmo che sigillano i tre rispettivi ingressi al vano sotterraneo di sepoltura, ha consentito dunque una prima, sommaria indagine visiva per rendersi conto della situazione e verificare la presenza di eventuali ostacoli fino alla cassa che si presume contengano le ossa di Murat. L’obiettivo è quello di individuare con certezza i resti del sovrano partenopeo, per poi traslarle in un altro luogo di sepoltura a vista, per valorizzare al meglio la sua figura storica.

Questo primo importante step operativo effettuato oggi, segna il passaggio dalla fase di studio alle operazioni di recupero vero e proprio, così come programmato dal comitato tecnico-scientifico istituito circa un anno fa dal Comune, in collaborazione con l’associazione Murat Onlus.

Soddisfazione è stata espressa dal sindaco Gianluca Callipo, che ha ringraziato per la puntuale collaborazione il capitano dei carabinieri della Compagnia di Vibo, Diego Berlingieri, e il comandante della stazione di Pizzo, Paolo Fiorello.

La posizione della cassa di Murat fu individuata alla metà degli anni ’70, in occasione dei lavori per il rifacimento del pavimento della chiesa, quando nella cripta fu calata una macchina fotografica. Le immagini così ottenute mostrarono numerosi resti di corpi umani, tumulati nel corso dei secoli, a conferma della consuetudine di seppellire i defunti sotto le chiese. Tra queste spoglie, fu individuata una bara che corrisponde alla descrizione che alcune cronache dell’epoca fanno dell’ultimo viaggio del re.

In particolare, dopo la fucilazione, il suo corpo venne composto in una cassa di abete che durante il trasporto verso il Duomo cadde sul selciato, rompendosi. Per rimediare all’incidente, fu effettuata una riparazione di fortuna, avvolgendo la cassa con una lunga corda. Ed è proprio su un feretro legato da una corda che si è quindi concentrata l’attenzione dei ricercatori. Le probabilità che contenga le spoglie mortali di Gioacchino sono molto alte, ma il dilemma potrà essere risolto soltanto effettuando un prelievo biologico per il test del Dna da comparare a quello dei discendenti che vivono oggi in Francia.