venerdì,Luglio 1 2022

A Briatico e Bivona le Giornate europee dell’archeologia

La peschiera di Sant'Irene e la Tonnara protagoniste di una serie di incontri organizzati dall'Archeoclub di Vibo

A Briatico e Bivona le Giornate europee dell’archeologia
Tonnara di Bivona, uno dei barconi che sarà restaurato

A partire dal 2019 l’Inrap, istituto nazionale di ricerca archeologica preventiva della Francia, ha istituito le giornate europee dell’archeologia. La finalità di questo appuntamento è quello di portare a conoscenza del grande pubblico il patrimonio archeologico europeo. Il 17, 18, e 19 giugno, eventi importanti avranno luogo in tutta Europa e vedranno protagonisti i grandi siti archeologici e le piccole realtà meno note, ma non per questo meno importanti.
Ogni anno, in Italia,  il Ministero della Cultura – direzione generale musei e direzione generale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio – organizza eventi su tutto il territorio nazionale. Anche le associazioni culturali si cimentano in eventi collegati alla conoscenza e alla valorizzazione del patrimonio archeologico. Dallo scorso anno l’Archeoclub d’Italia ha aderito a questo importante momento culturale coinvolgendo tutte le sedi locali sparse sul territorio nazionale organizzando manifestazioni legate all’archeologia e alle sue problematiche scientifiche e gestionali. La sede di Vibo Valentia di Archeoclub d’Italia vi ha partecipato già nella precedente edizione con un incontro (on-line a causa dell’emergenza pandemica), ma quest’anno scende in campo e raddoppia con due eventi. [Continua in basso]

Il 17 giugno, a partire dalle ore 18, l’Archeoclub sarà impegnato a S. Irene (nel comune di Briatico) dove grazie alla sponsorizzazione dell’Hotel Baia delle Sirene è stato messo a disposizione uno spazio. Durante l’evento verrà presentato il volume degli atti del festival dell’Archeologia e del Turismo culturale e premio Khaled –al-Asaad (Il mare e le sue genti) e sarà tracciata la storia archeologica della peschiera di S. Irene dove in età romana si allevava il pesce. La peschiera si trova nelle immediate vicinanze della sede convegnistica e per questo i partecipanti all’incontro avranno modo di vedere, se pur a distanza, la struttura (uno scoglio con quattro vasche scavate nella roccia).

A relazionare sul volume sarà il neo-direttore del Museo Archeologico nazionale di Vibo Valentia, Maurizio Cannatà, mentre a parlare della peschiera è stata invitata Maria Teresa Iannelli, già direttore del Museo Archeologico nazionale di Vibo Valentia che ha lavorato molto sull’area in passato. Su questo sito sono state realizzate dal subacqueo Stefano Mariottini delle riprese sottomarine che sono riportate in un video molto suggestivo e al contempo didattico. L’evento – come spiega Anna Murmura – è stato organizzato in collaborazione con il Comune di Briatico nelle persone del sindaco Lidio Vallone e dell’assessore alla Cultura Maria Teresa Centro che hanno concesso il patrocinio gratuito e saranno presenti all’evento per porgere un saluto ai presenti.

Il 18 giugno, alle ore 18, la sede dell’incontro sarà Bivona alla Tonnara, dove si terrà un incontro sulla storia dell’edificio. A relazionare ci sarà “l’artista militante” Antonio Montesanti, esperto di tonnare. All’evento sarà presente la Pro Loco di Vibo Marina con il suo presidente Enzo De Maria, che farà un intervento introduttivo. In occasione dell’ evento saranno messe in evidenza le criticità legate alla gestione del sito che, nonostante la ristrutturazione, risulta chiuso da anni.

top