Carattere

L’imprenditore anti-racket ha presentato un libro ispirato alla sua vicenda ai ragazzi delle scuole, affiancato dall’associazione Libera

L'imprenditore Tibero Bentivoglio al Tf
Cultura

La storia di Tiberio Bentivoglio inizia nel 1992. Fu in quell'anno che si presentarono nella sua attività gli uomini della ‘ndrangheta per chiedere il “pizzo”. Una vicenda che lo accomuna a tanti commercianti del sud Italia. Ma Tiberio ebbe il coraggio di dire “no”, divenendo per molti giovani un esempio positivo e di riscatto. Al Tf Leggere&Scrivere l'imprenditore reggino si è rivolto a tanti giovani raccontando loro il peso di quel “no” e ciò che significò e continua a significare per la sua famiglia. 

«Tiberio Bentivoglio - ha affermato Maria Joel Conocchiella dell’associazione Libera - ha avuto il coraggio di realizzare il suo sogno in Calabria, di affidarsi alla terra e rimpossessarsi dei luoghi e delle parole». 

Tropea Festival Leggere&Scrivere, apertura in grande stile

Quanto vissuto dall’imprenditore reggino è raccontato in “Colpito. La vera storia di Tiberio Bentivoglio” curato da Daniela Pellicanò. Libro rifiutato da cinque case editrici ma che, una volta venuto alla luce, ha venduto 8 mila copie. «La particolarità del testo non si riferisce solamente - come ha spiegato lo stesso autore - ai nomi denunciati, ma al coinvolgimento di esponenti di spicco della malavita organizzata, delle istituzioni, della massoneria e delle forze dell'ordine. Denunciare è stato un atto di libertà. Ma dovevo essere punito per essere di esempio. Il pizzo non si paga solo con i soldi, ma anche quando ci si toglie il cappello; non importa se il prezzo è di dieci o cento euro, ti stanno dimostrando che comandano loro».

Tiberio, nonostante le minacce e le violenze è divenuto davvero un esempio, simbolo di rinascita per quanti come lui decidono di ribellarsi e di non piegare la testa.

Al Tropea Festival il confronto tra Occidente e Islam

Lacnews24.it
X

Seguici su Facebook