Dasà, successo per l’iniziativa “Una giornata di primo soccorso”

Nel corso del partecipato evento, organizzato dal Movimento Aquila Rossa, sono state illustrate le tecniche di base per gestire situazioni d’emergenza. Soddisfatto il coordinatore Gentile

Nel corso del partecipato evento, organizzato dal Movimento Aquila Rossa, sono state illustrate le tecniche di base per gestire situazioni d’emergenza. Soddisfatto il coordinatore Gentile

Informazione pubblicitaria
Le lezione di primo soccorso a Dasà

Molto partecipato e stimolante si è rivelato, a Dasà, nel Vibonese, l’evento “Una giornata di primo soccorso”, organizzato dal Movimento Aquila Rossa sodalizio attivo nel sociale che promuove eventi di prevenzione, formazione e in contesti di disagio.

Una giornata, quella vissuta a Dasà, volta a spiegare e simulare diversi casi di primo soccorso, delineandone i primi gesti e le corrette pratiche. Delle vere e proprie tecniche di base impartite dal dottor Antonio Corrado, medico dasaese del 118, che ha prestato gratuitamente la sua competenza a servizio della cittadinanza tutta.

«Nel pomeriggio di sabato – fa sapere il Movimento Aquila Rossa – si è lavorato con un occhio di riguardo anche alle manovre salvavita sui bambini, tecniche che hanno evidentemente catturato l’attenzione delle diverse mamme presenti. Sono state inoltre effettuate simulazioni d’uso del defibrillatore. Infarto, angina, ictus, convulsioni, scosse elettriche e svenimenti alcuni degli altri temi trattati».

Assai partecipata l’iniziativa che ha registrato la presenza anche di diverse persone provenienti dai paesi limitrofi. Soddisfazione è stata espressa dal coordinatore del Movimento Claudio Gentile che, a nome di tutti i soci, «nel ringraziare il dottor Corrado per la sua disponibilità e sensibilità al tema» si è detto «felice per la riuscita di questa giornata che ha aiutato pragmaticamente tante persone e sensibilizzato rispetto a situazioni che si possono capitare nella quotidianità».

Ringraziamenti da parte del coordinatore anche a «tutti i componenti del movimento per l’impegno profuso» con l’impegno che «altre attività in questo campo di prevenzione si svolgeranno nei prossimi mesi».