Briatico, dalla vendita del calendario storico nuovi fondi per il restauro della chiesa

La città del mare e le sue tradizioni rivivono in un progetto sostenuto dalla parrocchia. Stilando un bilancio, registrata l’ottima risposta da parte dei cittadini

La città del mare e le sue tradizioni rivivono in un progetto sostenuto dalla parrocchia. Stilando un bilancio, registrata l’ottima risposta da parte dei cittadini

Informazione pubblicitaria
Torretta di Briatico
Informazione pubblicitaria

Ha riscosso ampi consensi il calendario con le foto storiche di Briatico. Attimi strappati alla memoria immortalati dall’obiettivo fotografico. Momenti custoditi nel cuore dei briaticesi ripresi e valorizzati tramite un progetto voluto e sostenuto dalla parrocchia “San Nicola”, dal consiglio pastorale e dal parroco don Mino De Pascalis.

Informazione pubblicitaria

L’iniziativa è nata per reperire fondi necessari al restauro della chiesa madre ed è stata portata avanti nel periodo estivo (in foto). In occasione delle sagre, infatti, è stata promossa la vendita dello speciale 12 mesi. Adesso, si raccolgono i frutti delle attività che hanno registrato risposte positive da parte dei cittadini del luogo e non solo. Tanti parrocchiani, ma anche molti emigrati hanno acquistato il calendario riconoscendosi nelle foto d’epoca o semplicemente ammirando lo straordinario lavoro di recupero messo in atto dai promotori. 

Gli scatti sono stati forniti da Pino e Vincenzo Albanese, Tommaso Prostamo, la famiglia di Michele Artusa e Nino Manduca. La parte grafica, invece, è stata curata da Cristiano Santacroce.

Pagina dopo pagina si raccontano i momenti simbolo della vita della comunità: dal ritorno dei pescatori al porticciolo, alle occasioni religiose più attese: la processione della Madonna Immacolata e del Santissimo, la storica “Affrontata”. Uno stile semplice per raccontare l’identità di una cittadina attaccata alle proprie tradizioni. Ricordi che sono parte integrante del bagaglio culturale di ogni briaticese. Apprezzata, infine, la scelta di chiamare i mesi dell’anno con i termini dialettali.