Lidi balneari, il Comune di Vibo pubblica il bando per le concessioni provvisorie

Prevista l’assegnazione di concessioni demaniali per un massimo di 5 aree già previste nel Piano spiaggia adottato nel 2014 e ancora non approvato. L’assessore Franzè: «Poste le basi per una migliore pianificazione futura»

Prevista l’assegnazione di concessioni demaniali per un massimo di 5 aree già previste nel Piano spiaggia adottato nel 2014 e ancora non approvato. L’assessore Franzè: «Poste le basi per una migliore pianificazione futura»

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

L’assessore comunale alla Pianificazione urbana sostenibile e Valorizzazione del Patrimonio di Vibo Valentia, Katia Franzè comunica che è stato pubblicato il bando per le concessioni provvisorie stagionali per l’anno 2018 in attesa che si concluda l’iter di approvazione del Piano spiaggia adottato con deliberazione del consiglio comunale in data 5 dicembre 2014. L’attuale bando prevede l’assegnazione di concessioni demaniali provvisorie per un numero massimo di 5 aree già previste nel Piano spiaggia comunale per la zona d’ombra e servizi minimi essenziali. Le domande dovranno pervenire entro le ore 13 del 19 luglio 2018 utilizzando la modulistica e seguendo le indicazioni riportate nello stesso bando che potranno essere consultate accedendo al sito istituzionale del Comune. In relazione a ciò la delegata all’Urbanistica dell’esecutivo Costa ha così commentato: «La pubblicazione del bando relativo alle concessioni demaniali provvisorie rappresenta un risultato importante per il nostro territorio e soprattutto per le attività interessate dallo stesso, risultato ancor più importante se si considera che il medesimo progetto lo scorso anno non ha ottenuto i pareri favorevoli da parte della Regione Calabria per tutta una serie di motivi ostativi. Ed invero – ha sottolineato l’assessore Franzé – grazie ad un lavoro serrato e continuo con gli uffici regionali preposti si è riusciti ad ottenere risposte più aderenti alle necessità del nostro litorale che avranno ripercussioni positive sia per i bandi dei prossimi anni, sia in ottica dell’adozione dello strumento di pianificazione settoriale (Piano spiaggia). Con l’auspicio – ha concluso l’amministratrice – che ciò possa rappresentare solo il primo passo verso uno sviluppo sempre maggiore del settore e di conseguenza del nostro territorio». 

Informazione pubblicitaria