Pecorino del Poro, la Camera di Commercio di Vibo controllerà la qualità del prodotto

E’ stata designata dal Ministero delle Politiche Agricole quale autorità pubblica per la verifica tecnica del formaggio

E’ stata designata dal Ministero delle Politiche Agricole quale autorità pubblica per la verifica tecnica del formaggio

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Su precisa indicazione del Consorzio dei produttori del Pecorino del Monte Poro, e dopo la presentazione agli enti competenti della regolare documentazione, ovvero del piano dei controlli e del tariffario da questi poi approvati, la Camera di Commercio di Vibo Valentia, con decreto del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, è stata designata quale autorità pubblica ad espletare le funzioni di controllo previste da regolamento europeo per la denominazione “Pecorino del Monte Poro”, protetta transitoriamente a livello nazionale con decreto 12 luglio 2018. In attesa della definitiva registrazione da parte dell’organismo comunitario europeo, l’ente camerale vibonese sarà quindi l’unico titolato a vigilare, attraverso opportuni controlli di qualità, affinchè produzione e commercializzazione dei prodotti casearei con denominazione Pecorino del Monte Poro avvengano secondo la normativa vigente e i rigidi criteri dell’apposito disciplinare, a tutela dei singoli produttori, dei consumatori e della tipicità di un prodotto che rappresenta uno tra i più significativi aspetti identitari del territorio. “Una designazione – ricorsa il presidente della Camera di Commercio Sebastiano Caffo – che riconosce l’attenzione e la competenza dell’Ente per le certificazioni di qualità, su cui puntiamo per promuovere le produzioni agroalimentari di eccellenza, per valorizzare l’impegno e le capacità imprenditoriali, per rilanciare l’economia del territorio. In questo caso specifico, vigileremo per salvaguardare la genuinità e il gusto di un prodotto locale che concorre ad esaltare quel patrimonio agroalimentare che è leva strategica di attrattività e sviluppo territoriale. Per questo – sottolinea Caffo – desidero ringraziare le associazioni di categoria, il Consorzio dei produttori del Pecorino e gli uffici camerali preposti per il lavoro svolto per arrivare ad ottenere questo importante risultato”. Per la verifica tecnica di qualità del Pecorino del Monte Poro, la Camera di Commercio si avvarrà delle analisi e delle attestazioni di laboratori specializzati di comprovata esperienza e  competenza con cui si interfacceranno gli uffici e i funzionari camerali di riferimento “a cui va il merito – spiega il segretario generale Bruno Calvetta- di aver seguito con puntualità e capacità ogni singola fase di questa procedura che, ancora una volta, porta l’Ente a svolgere una funzione importante per le imprese e il migliore posizionamento dei loro prodotti che passa, sicuramente, anche attraverso le certificazioni di regolarità e qualità” .

Informazione pubblicitaria