Viabilità nel Vibonese, la Sp 522 torna sotto la competenza dell’Anas

Il ministro Toninelli accoglie la richiesta di Solano e incarica l’azienda statale. Soddisfatto il presidente della Provincia: «Risultato importante. Ora puntiamo all’approvazione del bilancio»

Il ministro Toninelli accoglie la richiesta di Solano e incarica l’azienda statale. Soddisfatto il presidente della Provincia: «Risultato importante. Ora puntiamo all’approvazione del bilancio»

La Sp 522 chiusa al traffico (foto di repertorio)
Informazione pubblicitaria

Ha sortito i suoi effetti la richiesta avanzata dal presidente della Provincia di Vibo, Salvatore Solano, al ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Danilo Toninelli, attraverso la quale, nel corso di un incontro avvenuto lo scorso 17 dicembre a Soverato, si chiedeva una revisione della rete stradale vibonese con il passaggio di competenze ad Anas di alcune delle principali arterie di comunicazione del territorio. Tra queste, particolare attenzione veniva richiesta da Solano per la ex Strada statale 522, cosiddetta “Strada del mare”, considerata strategica soprattutto dal punto di vista turistico visto che rappresenta, com’è noto, la principale via di collegamento verso i centri più attrattivi della costa. Quella richiesta non è rimasta inascoltata e il ministero guidato da Toninelli avrebbe ora trasmesso precise indicazioni all’azienda statale, di proprietà del gruppo Fs, finalizzate a prendere in carico l’arteria così come già avvenuto per la ex Statale 110. Già questa mattina, non a caso, sulla provinciale 522 si è svolto un sopralluogo alla presenza di tecnici della Provincia e dell’Anas che hanno percorso i 40 chilometri che vanno dallo svincolo autostradale di Pizzo a poco oltre l’abitato di Tropea. «La notizia dell’interessamento da parte del ministero di affidare ad Anas la gestione della ex Statale 522 – ha commentato Solano – è sicuramente un fatto positivo. La mia sollecitazione rivolta al ministro Toninelli ha sortito l’effetto sperato, anche se ancora restiamo in attesa dell’ufficialità. Non mi fermerò solo a questo – ha aggiunto il presidente della Provincia – ma lotterò attraverso la mia azione amministrativa per dare prospettive a questo territorio. Nei prossimi giorni si giocherà la partita più importante, sperando che il Governo ci ascolti anche su questo e ci consenta di approvare il bilancio. Se daranno questa possibilità alla Provincia, allora per il territorio di Vibo Valentia potrà iniziare il riscatto sociale e politico tanto sperato». 

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHERevisione della rete stradale vibonese, le proposte di Solano a Toninelli