Wi-fi gratuito, tre Comuni vibonesi tra i 3.400 enti vincitori del bando europeo

Hanno ottenuto un voucher di 15mila euro per l’installazione di reti internet negli spazi pubblici come biblioteche, piazze e ospedali. Ecco di chi si tratta  

Hanno ottenuto un voucher di 15mila euro per l’installazione di reti internet negli spazi pubblici come biblioteche, piazze e ospedali. Ecco di chi si tratta  

Informazione pubblicitaria

Da Alberobello a Cantù, da Fiumicino a Marsala: sono stati pubblicati i 510 i comuni italiani vincitori del secondo bando Wifi4Eu, l’iniziativa dell’Unione europea che finanzia l’installazione di reti wi-fi gratuite negli spazi pubblici come biblioteche, piazze e ospedali. Le municipalità vincitrici avranno a disposizione un voucher da 15mila euro per creare gli hot-spot necessari all’entrata in funzione delle reti internet. Italia, Spagna e Germania, visto l’alto numero di adesioni, hanno raccolto il numero massimo di voucher messi a disposizione dall’iniziativa europea per ogni Stato membro. Il 98% dei voucher è stato assegnato nei primi 60 secondi di apertura del bando sulla base del criterio “primo arrivato, primo servito” (first-come, first-served). Quindici comuni italiani sono stati inseriti in una lista di riserva, nel caso in cui qualcuno dei vincitori si ritiri. In tutta Europa sono 3.400 gli Enti locali risultati vincitori del bando, a cui sono stati assegnati voucher per un totale di 51 milioni di euro. A fare domanda di partecipazione erano stati oltre 10mila comuni. La prima call di Wifi4Eu aveva attirato oltre 13mila candidature e distribuito 2.800 voucher. I vincitori italiani erano stati 224 su 3.202 partecipanti, un record fra i Paesi Ue. Nel Vibonese, premiati dalla procedura europea 3 Comuni, più uno inserito nell’elenco di riserva. Ad ottenere il voucher di 15mila euro in prima battuta Arena, Serra San Bruno e Stefanaconi. Nella lista di riserva inserito Sant’Onofrio

Informazione pubblicitaria