Settore immobiliare e crisi affitti a Vibo, seminario di Confedilizia

All’appuntamento parteciperanno rappresentanti dei comparti e del sindacato. Focus su locazioni abitative e per attività commerciali
All’appuntamento parteciperanno rappresentanti dei comparti e del sindacato. Focus su locazioni abitative e per attività commerciali
Informazione pubblicitaria
Corso di Vibo Valentia
Informazione pubblicitaria

Settore un tempo trainante, oggi in declino, l’immobiliare a Vibo Valentia sarà oggetto di un seminario organizzato da Confedilizia Calabria. Appuntamento domani alle ore 11 nell’aula consiliare per fare un bilancio “tra l’anno che si chiude e quello che verrà”.

All’incontro interverranno Sandro Scoppa, presidente di Confedilizia Calabria; Maria Limardo, sindaco di Vibo; Domenico Barbalaco, vice presidente e direttore di Confedilizia Vibo; Eleonora Nesci, segretario provinciale Conia Vibo; Mimma Pacifici, segretario generale del Sunia-Cgil Calabria.

I lavori saranno moderati dal giornalista Maurizio Bonanno, ed affronteranno le problematiche del settore immobiliare. In particolar modo, le locazioni abitative e quelle non abitative, per negozi e attività commerciali, nella città di Vibo Valentia.

Sarà fatto il punto sulla situazione attuale, che è stata pure fotografata nel report sul mercato immobiliare residenziale curato dall’Omi. Report dal quale è emerso un andamento negativo (-2%), associato, però, a una quotazione media quasi invariata, nonché dai dati forniti dell’Agenzia delle entrate.

Si parlerà anche delle locazioni abitative, per le quali è ormai in vigore dallo scorso anno l’accordo territoriale per i contratti a canone concordato, che riguarda le locazioni per esigenze abitative ordinarie, per esigenze transitorie e quelle degli studenti universitari, che possono usufruire di un regime fiscale agevolato con la cedolare secca del 10%. Focus anche su uelle non abitative, vera e propria emergenza nella città di Vibo Valentia e del suo centro storico. Per essa sarà anche valutata l’incidenza negativa del mancato rinnovo nel 2020 della cedolare secca al 21%. L’incontro sarà pure l’occasione per iniziare a volgere lo sguardo al 2020 e per accennare alle iniziative che organizzazioni sindacali e amministrazione potranno attivare rilanciare il settore.

Informazione pubblicitaria