Vibo, un concorso di idee per riqualificare piazza Municipio – Video

Presentata a Palazzo Luigi Razza l’iniziativa rivolta a giovani professionisti chiamati a presentare progetti per un restyling del valore di un milione di euro
Presentata a Palazzo Luigi Razza l’iniziativa rivolta a giovani professionisti chiamati a presentare progetti per un restyling del valore di un milione di euro
Informazione pubblicitaria

Piazza Martiri d’Ungheria punta a rifarsi il look grazie al concorso di idee rivolto a giovani architetti e ingegneri che avranno l’onere e l’onore di presentare un progetto di rigenerazione e riqualificazione della piazza principale di Vibo Valentia. Si tratta di un concorso di idee rivolto a professionisti del settore. Da qui la necessità di coinvolgere i due rispettivi Ordini professionali (ingegneri e architetti). Una commissione di esperti valuterà i progetti. Tra i lavori pervenuti, i migliori dieci saranno premiati, mentre uno sarà il vincitore assoluto. Il progettista del lavoro prescelto sarà nominato direttore dei lavori. L’idea sulla carta ha l’ambizione di cambiare il volto di una piazza che ambisce a ritornare il salotto buono della città. 

Obiettivo del progetto, annunciato dal sindaco Maria Limardo e dall’assessore ai lavori pubblici Giovanni Russo nel corso di una conferenza stampa, è quello di far recuperare a Piazza Martiri d’Ungheria, cuore pulsante della città, la propria identità.

Presente il senatore di Forza Italia Giuseppe Mangialavori,il cui impegno  ha permesso di reperire  il finanziamento necessario alla realizzazione dell’intervento: un milione di euro.

«Oggi mettiamo un sigillo a un lavoro durato mesi. Il prossimo anno – ha annunciato Mangialavori – arriverà un altro finanziamento di un milione di euro che sarà destinato alle Marinate. Lavoreremo – ha chiosato –  con lo stesso spirito che oggi ha portato alla firma di questo importante progetto». E non sarà l’unico. «Il mio lavoro – ha concluso il senatore di Forza Italia – proseguirà per portare altro ossigeno a questa città».