Il Distretto socio-assistenziale vibonese cerca otto assistenti sociali

Pubblicato il bando per la ricerca delle figure professionali che opereranno nel Comune di Vibo Valentia e in quelli appartenenti all’ambito del Distretto n. 1. È ultima pratica curata dall’assessore Lorenza Scrugli prima delle dimissioni

Pubblicato il bando per la ricerca delle figure professionali che opereranno nel Comune di Vibo Valentia e in quelli appartenenti all’ambito del Distretto n. 1. È ultima pratica curata dall’assessore Lorenza Scrugli prima delle dimissioni

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Una problematica che sul territorio ha creato finora notevoli disagi e che finalmente trova una positiva soluzione per il futuro. L’assenza di figure specializzate del settore aveva portato nei Comuni, negli anni, delle notevoli difficoltà nell’assistenza alle persone con difficoltà. Problema avvertito e discusso, quindi, spesso nell’Assemblea dei Sindaci del Distretto socio assistenziale n.1 con capofila il Comune di Vibo Valentia, con il già assessore alle Politiche Sociali, Lorenza Scrugli, che, d’accordo con le altre Amministrazioni, ha definito l’iter per il bando di selezione pubblica per la copertura a tempo determinato parziale, di 18 ore settimanali, dalla data di assunzione sino al 31 dicembre 2019, di 8 posti di Assistente sociale. 

Informazione pubblicitaria

Le risorse umane utili per la realizzazione delle attività di progetto verranno individuate dalle posizioni più elevate delle graduatorie fino alla saturazione delle professionalità necessarie. La graduatoria rimarrà efficace per un termine di ventiquattro mesi dalla data di pubblicazione sui siti internet dei Comuni del Distretto per eventuali coperture di posti comunque disponibili secondo le vigenti disposizioni. La graduatoria potrà, altresì, essere utilizzata per la stipula di nuovi contratti individuali a tempo determinato e parziale di 18 ore settimanali con principio di esecuzione dalla data di stipula e scadenza alla data di cessazione dei precedenti contratti in essere, secondo l’ordine di graduatoria per la copertura di posti che si rendessero disponibili per assenza o impedimento dei titolari.

Per l’ammissione alla selezione è richiesto, a parte i requisiti di cittadinanza italiana o di uno dei Paesi dell’Unione europei, il possesso dei titoli di studio necessari all’accesso al profilo professionale di Assistente sociale, o titolo equipollente, ed iscrizione all’albo degli Assistenti sociali, posseduti alla data di scadenza del termine stabilito per la presentazione delle domande di partecipazione. La domanda con i relativi allegati dovrà pervenire, con qualunque mezzo venga inviata, entro le ore 12 del giorno 29 marzo 2018 con una delle seguenti modalità: consegna a mano, ovvero a mezzo corriere, al Protocollo generale del Comune di Vibo Valentia, trasmissione a mezzo del servizio postale, esclusivamente con raccomandata A/R, indirizzata al Comune di Vibo Valentia, piazza Martiri d’Ungheria, 89900. Farà fede il timbro di ricezione del Comune e per posta elettronica certificata (PEC) il cui indirizzo è protocollocomunevibo@pec.it.

Nell’ambito della selezione è inoltre garantita la pari opportunità tra uomini e donne per l’accesso al lavoro così come previsto dal Decreto Legislativo 11 aprile 2006 n.198 e s.m.i. e dall’art. 35 del Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n.165 s.m.i. Ogni specifica informazione, il bando e i relativi allegati, comunque, si potranno trovare sul sito del Comune di Vibo Valentia. L’ormai ex assessore comunale alle Politiche sociali, Lorenza Scrugli, tra l’altro comunica «un altro progetto portato a termine con l’acquisizione dei fondi regionali per l’assistenza delle persone disabili nei centri diurni del territorio, che presto potrà dare nuovo conforto alle famiglie che purtroppo si trovano ad assistere un familiare con difficoltà».

LEGGI ANCHE:

Crisi al Comune di Vibo, si dimette anche l’assessore Lorenza Scrugli