martedì,Luglio 27 2021

Tropea Cipolla Party, gli organizzatori lavorano già alla prossima edizione – VIDEO

Grande successo della manifestazione che ha portato per tre giorni la cittadina tirrenica alla ribalta nazionale

Tropea Cipolla Party, gli organizzatori lavorano già alla prossima edizione – VIDEO
Grandi chef intenti a cucinare al Cipolla Party di Tropea

Cipolla Party, dopo il successo della tre giorni di eventi che ha proiettato il Borgo dei Borghi e la Calabria sui principali tg nazionali e tenuto migliaia di curiosi ed appassionati della cucina gourmet incollati sulle principali piattaforme social per carpire i segreti dei grandi chef, si lavora già all’edizione 2022. Ad esprimere soddisfazione per i grandi risultati di quello che ambisce ad essere un modello da perfezionare sempre più ed esportare, sono gli organizzatori della kermesse: dal Consorzio Cipolla Rossa di Tropea Calabria Igp al Comune di Tropea, del Gal Terre Vibonesi, al Flag dello Stretto e della Pro Loco Tropea, fino alla Adv Maiora. [Continua in basso]

«La kermesse – dichiara il sindaco di Tropea Giovani Macrì – è stata di fatto una grande impresa, se consideriamo il difficile momento storico, la concentrazione in soli tre giorni di una miriade di iniziative di qualità e, non da ultimo, il cattivo tempo, veramente inatteso nel bel mezzo di luglio. Il segnale che raccogliamo da questa esperienza – aggiunge il primo cittadino – è che c’è nella gente la voglia di ricominciare a respirare a pieni polmoni luoghi e spazi, che a Tropea non mancano e che hanno consentito di rispettare tutte le misure anticovid, anche grazie ad una condivisione più ampia dei diversi momenti attraverso il web ed i social».

Il sindaco coglie l’occasione per ringraziare gli chef nazionali che si sono resi ambasciatori di momenti di alta cucina valorizzando l’ingrediente principe della manifestazione: la rossa di Tropea. Da Igles Corelli a GennaroEsposito, da Riccardo Sculli ad Andrea Mainardi a tutti gli altri. «L’organizzazione – continua sempre Macrì – è risultata efficace e all’altezza di un festival multiforme che si è giocato su tanti fronti: da quello strettamente gastronomico a quello artistico, spaziando anche sul versante delle relazioni istituzionali e su un piano di alto profilo scientifico. Grandissima – conclude il sindaco – è stata la vicinanza del mondo imprenditoriale espressa in maniera generosa, intelligente e attenta. La finalità ultima del Tropea Cipolla Party è quella di creare opportunità di benessere condiviso ed in questa logica quel che emerge è la voglia di andare avanti ampliando ancor di più il ventaglio delle belle occasioni culturali da realizzare e gustare insieme». [Continua in basso]

«Se è vero che 45 milioni sono gli italiani appassionati di cibo e che la scelta in termini di destinazione è determinata dal paniere dell’offerta enogastronomica territoriale – afferma Daniele Cipollina, direttore marketing e comunicazione dell’evento – è stata vincente la scelta di agganciare questo aspetto alle diverse sfumature, paesaggistiche e culturali di questo territorio». Per Giuseppe Laria, presidente del Consorzio Cipolla Rossa di Tropea Calabria Igp «abbiamo assistito ad una tre giorni di eventi che hanno rafforzato il legame identitario tra Tropea e la sua cipolla. Un evento che intendiamo supportare anche per il prossimo anno. È stata una grande soddisfazione vedere la cipolla rossa di Tropea Calabria Igp protagonista negli show cooking di importanti chef nazionali, nei convegni scientifici, sulle pagine social di seguitissimi food influencer, negli incontri con i bambini e perfino nella meditazione fatta di prima mattina».

Le premiazioni. La maschera apotropaica, realizzata dal Maestro Orafo crotonese Michele Affidato, a simboleggiare protezione e fortuna, oltre che ai rappresentanti e protagonisti di questa speciale edizione, è andata anche a il Conte in Calabria, proposta per il Contest Onion Dots Cocktail Challenge di Maria Grazia Dragone (20 ml Red Bitter caffo infuso alla cipolla rossa di Tropea, 20 ml Emporia Gin 20 ml Vermouth ambratom velluto di Amaro del Capo, decorazione: alloro e timo essiccati) e al Ristorante LaLamia di Antonio La Torre per la fileia (Contest Onion Dish Challenge 2021).

top