Provvedimento disciplinare contro Soriano, lui si difende: «Il Pd cerca vendette invece di interrogarsi»

L’ex dirigente regionale dem commenta la lettera ricevuta insieme a De Nisi nella quale gli si rimprovera di aver sostenuto il centrodestra e spiega: «Nel mio privato vado a cena con chi mi pare»   

L’ex dirigente regionale dem commenta la lettera ricevuta insieme a De Nisi nella quale gli si rimprovera di aver sostenuto il centrodestra e spiega: «Nel mio privato vado a cena con chi mi pare»   

Informazione pubblicitaria
Michele Soriano
Informazione pubblicitaria

«Ad ogni tornata elettorale ci sono inevitabilmente vincitori e vinti. Dopo la vittoria sui romani Brenno pronunciò la celebre frase “vae victis” sentenziando che i vinti dovevano sottostare a nuove regole. Oggi al contrario i vinti pretendono di attuare vendette e di continuare ad essere riferimento di un partito ormai al tracollo che nel Vibonese non esiste. Succede alla Regione con il presidente Oliverio che si ripropone per i prossimi cinque anni con l’accordo dei consiglieri regionali e senza il partito. Succede a Vibo dove dopo una sonora sconfitta l’orchestra continua a suonare incurante di tutto come se nulla fosse successo».

Informazione pubblicitaria

È questo il commento di Michele Soriano, già dirigente regionale del Partito democratico, in relazione al provvedimento disciplinare avviato a suo carico (e a carico dell’ex presidente della Provincia Francesco De Nisi) dalla commissione di garanzia del partito che rimprovera loro di non aver sostenuto i candidati del Pd alle ultime consultazioni politiche “partecipando anche ad eventi conviviali con i candidati del centrodestra”. 

Per Soriano la mossa sarebbe da attribuire direttamente al candidato del centrosinistra all’uninominale, Bruno Censore, il quale, «circondatosi di caporali di giornata», sarebbe da questi ora spinto ad «attuare vendette invece di tentare di rimettersi al centro di un partito che per sopravvivere ha la necessità di essere inclusivo. Personalmente – aggiunge – ho sancito con la non partecipazione al congresso provinciale e ad un congresso di sezione grottesco il mio momento di stand by dalla politica attiva rimanendo come ho sempre fatto un elettore del Pd ed esercitando il mio diritto di voto per come sancito dalla Costituzione. Non ho partecipato ad eventi politici pubblici o privati. E difenderò nelle sedi deputate la mia immagine contro le falsità e le calunnie di cui sono stato oggetto all’interno del partito e sulla stampa».

Quindi, Soriano argomenta come «la foto oggetto di tante attenzioni che mi vede (con altri iscritti al Pd) ad una cena tra amici in una casa privata per la famosa “Caddarata” che segue all’uccisione di un maiale, in presenza tra gli altri di Giuseppe Mangialavori e di Wanda Ferro, ed a numerosi altri personaggi illustri impegnati e non in politica con i vari schieramenti compreso il Pd, attiene alla mia vita privata e non politica e non documenta la mia appartenenza politica al centrodestra e rappresenta una chiara violazione della privacy di cui qualcuno sarà chiamato a rispondere nelle sedi opportune». 

Per Soriano, infatti, «ognuno è libero nel privato di sedersi a tavola con chi ritiene opportuno rispondendo delle proprie azioni private a Dio ed alla propria coscienza prima e ad altri poi. Mi auguro che si smetta con questi pettegolezzi e si torni a parlare di politica perché il nostro territorio mai come in questo momento ha bisogno di fatti e non di chiacchere e la gente che fa giornalmente i conti con la spesa non ci capisce e forse perciò non ci vota. Personalmente mi ero imposto un lungo periodo di silenzio e da oggi ritornerò rigorosamente a rispettarlo pur continuando a lavorare alla costruzione di un laboratorio di idee che possano contribuire al rilancio di una città che ha ambizioni di capoluogo di provincia e che negli ultimi tempi è stata ridotta ad un piccolo paese di montagna da un gruppo che, per dirla alla Preta, ha sempre vissuto di luce riflessa e che, perso il suo faro, non potrà che tornare a perdersi nelle tenebre da cui per puro caso era emerso». 

LEGGI ANCHE:

«Ha sostenuto il centrodestra», il Pd “epura” l’ex presidente della Provincia di Vibo De Nisi