“Strada del mare”, Wanda Ferro: «Si garantisca il diritto alla mobilità dei cittadini»

Il dibattito politico registra la nuova presa di posizione da parte della parlamentare di Fratelli d’Italia che ricorda di aver proposto il passaggio nelle competenze Anas. E rilancia: «Si recuperino anche i fondi della Tangenziale Est di Vibo»

Il dibattito politico registra la nuova presa di posizione da parte della parlamentare di Fratelli d’Italia che ricorda di aver proposto il passaggio nelle competenze Anas. E rilancia: «Si recuperino anche i fondi della Tangenziale Est di Vibo»

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

«Sono felice che all’indomani del mio incontro con il responsabile del Coordinamento territoriale Calabria di Anas, Giuseppe Ferrara, al termine del quale avevo proposto il trasferimento della strada provinciale litoranea per Tropea (ex Ss 522), il presidente della Provincia di Vibo, Andrea Niglia, abbia invocato un tavolo tecnico-istituzionale per avviare interventi di ammodernamento delle strade provinciali, facendo leva, grazie all’interessamento del collega Mirabello, sul recupero delle risorse regionali bloccate dal 2012, anno in cui è stato rescisso il contratto dei lavori». 

Informazione pubblicitaria

E’ quanto afferma il deputato e consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Wanda Ferro, che spiega: «Avevo proposto il trasferimento della competenza sulla strada ad Anas, considerato che l’azienda può contare su risorse economiche e competenze progettuali per avviare l’ammodernamento dell’importante arteria che ha grande valore turistico, ma è pure essenziale per garantire il diritto alla mobilità dei cittadini, come gli abitanti delle frazioni di Coccorino e Coccorinello che da ben cinque mesi vivono una situazione di grave disagio per la chiusura del tratto stradale verso Joppolo. Spero a questo punto che la volontà di ammodernare la “Strada del mare” nel più breve tempo possibile da parte della Regione sia effettivo, visto che le risorse sono disponibili da sei anni, e assicuro la mia disponibilità a supportare ogni iniziativa istituzionale rivolta in tale direzione. Allo stesso modo spero che il consigliere Mirabello voglia dare sostegno in Regione alla mia proposta di individuare ogni possibile soluzione che possa consentire il trasferimento ad Anas della “Strada del mare”. Infine – conclude Wanda Ferro – auspico che ci sia un impegno affinché venga recuperato anche il finanziamento da 4 milioni di euro assegnato nel 2012 alla Provincia attraverso i Pisl Mobilità, per il completamento della Tangenziale Est di Vibo».

LEGGI ANCHE:

Viabilità nel Vibonese, la proposta della Ferro: «Le ex Statali 110 e 522 tornino all’Anas»

Strada del Mare chiusa: una vergogna lunga oltre cinque mesi

Strada del mare, Mirabello: «Sbloccare e utilizzare 13 milioni di euro»

Viabilità nel Vibonese: il presidente della Provincia si rivolge alla Regione