Comune di Vibo: Giunta e dirigenti contro il legale dell’Ente

Il legale dell’Ufficio dell’Avvocatura comunale impugna al Tar il regolamento sui compensi legali. Costa, Nesci e gli assessori si affidano ad un avvocato esterno per resistere al ricorso

Il legale dell’Ufficio dell’Avvocatura comunale impugna al Tar il regolamento sui compensi legali. Costa, Nesci e gli assessori si affidano ad un avvocato esterno per resistere al ricorso

Informazione pubblicitaria

Ufficio dell’Avvocatura del Comune di Vibo Valentia contro la Giunta guidata dal sindaco Elio Costa ed il dirigente del primo settore di palazzo “Luigi Razza”, Filippo Nesci. L’avvocato Maristella Paolì dell’Ufficio dell’Avvocatura comunale dell’ente ha infatti deciso di agire in giudizio dinanzi al Tar per ottenere l’annullamento della delibera con la quale la giunta comunale il 7 marzo scorso ha approvato le modifiche al Regolamento comunale recante la disciplina dei compensi legali approvato con deliberazione della Giunta comunale n. 179/2015 a seguito delle intervenute indicazioni della magistratura contabile, in sede consultiva, in tema di contabilità pubblica che suggerivano e imponevano degli interventi correttivi al regolamento stesso. Una di tali indicazioni era stata invocata dallo stesso Comune di Vibo Valentia con richiesta di parere prot. 28296 del 23 giugno 2015. Le modifiche ed i correttivi al Regolamento sui compensi legali non sono però andati giù proprio al legale del Comune, Maristella Paolì, che ha deciso di impugnare la delibera di Giunta per chiederne ai giudici amministrativi di Catanzaro l’annullamento in quanto, a suo parere, tutto illegittimo. La Giunta comunale presieduta dal sindaco Elio Costa, il dirigente di settore Filippo Nesci, il responsabile Antonio Condello ed il responsabile del procedimento Paolo Tripodi, con il parere favorevole in ordine alla regolarità contabile da parte della dirigente Adriana Teti, hanno deciso dal canto loro di non condividere le argomentazioni addotte nel ricorso dall’avvocato Paolì e di costituirsi quindi in giudizio dinanzi al Tar. Non trovando però all’interno del Comune “figure professionali con le caratteristiche indicate e disponibili a poter assumere l’incarico legale” – nelle more dell’approvazione del predisponendo bando per la formazione di un apposito albo di professionisti a cui attingere di volta in volta per la nomina di un legale esterno dell’Ente – la Giunta comunale ha affidato il relativo incarico legale all’avvocato Marcello Natale del Foro di Vibo. Toccherà a lui difendere dinanzi al Tar le ragioni del Comune contro il ricorso dell’avvocato Maristella Paolì dell’Ufficio dell’Avvocatura comunale. Benvenuti a Vibo Valentia.