domenica,Ottobre 17 2021

Comune Vibo, l’esecutivo: «La nota della Corte dei Conti? Dialogo che prosegue»

Il sindaco del capoluogo Maria Limardo riferisce che «gli uffici sono già a lavoro per fornire alla magistratura contabile tutte le informazioni richieste»

Comune Vibo, l’esecutivo: «La nota della Corte dei Conti? Dialogo che prosegue»
cof

La Corte dei Conti chiede al Comune di Vibo Valentia altri approfondimenti contabili, nonché mette anche in fortissima discussione il lavoro svolto dalla Commissione straordinaria di liquidazione del debito, che ha chiuso il primo dissesto finanziario, e l’amministrazione del capoluogo parla di semplice «interlocuzione che prosegue con la Corte dei Conti sul Piano di riequilibrio finanziario pluriennale». [Continua in basso]

È affidata a un breve comunicato stampa la difesa e le spiegazioni da parte dell’esecutivo guidato dal sindaco Maria Limardo dopo che sulla scrivania di quest’ultima è giunta, nei giorni scorsi, la lettera della magistratura contabile, Una nota con la quale è stato chiesto ai vertici di Palazzo Luigi Razza di approfondire atti e documenti e di valutare bene i risultati del lavoro svolto sul primo default dell’ente che volge a formale chiusura. Il tutto sempre finalizzato ad evitare –  come è noto  – un secondo e devastante default dell’ente.

«A seguito delle controdeduzioni già trasmesse e all’evolversi della situazione finanziaria – si  legge nella nota diffusa dal Comune – la Sezione della Corte dei Conti  “ritiene necessario….acquisire ulteriori elementi di valutazione”. In particolare, continua l’approfondimento sul Riaccertamento straordinario dei residui; sulla determinazione del fondo pluriennale vincolato; sulla procedura dell’organo straordinario di liquidazione e di conseguenza sui risultati contabili dei diversi rendiconti di gestione che si sono succeduti dal 2015 ad oggi».  Il sindaco Limardo sottolinea nel comunicato che «gli uffici sono già a lavoro per fornire alla magistratura contabile tutte le informazioni richieste. Questa fase interlocutoria sta a dimostrare che le controdeduzioni a suo tempo fornite non erano infondate ed oggi si richiedono ulteriori elementi integrativi».

LEGGI ANCHE: Comune Vibo, la Corte dei Conti scrive ancora: chiesta una valanga di accertamenti

Comune Vibo e short list, maggioranza in imbarazzo: “incriminato” l’atto della Teti

Articoli correlati

top