Comune Vibo: Lorenzo Lombardo di nuovo assessore all’Ambiente

Il sindaco Elio Costa conferisce al titolare dei Lavori pubblici anche tale delega trattenuta dal primo cittadino dopo le dimissioni il 18 luglio di Stefania Romanò

Il sindaco Elio Costa conferisce al titolare dei Lavori pubblici anche tale delega trattenuta dal primo cittadino dopo le dimissioni il 18 luglio di Stefania Romanò

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Lorenzo Lombardo è il nuovo assessore all’Ambiente, alla sostenibilità ambientale ed alle energie rinnovabili del Comune di Vibo Valentia. Le nuove deleghe, che vanno ad affiancare quella ai Lavori pubblici di cui è già titolare dal maggio del 2016, gli  sono state conferite con apposito decreto dal sindaco Elio Costa che, a tal fine, ha modificato il proprio decreto numero 26 del 19 luglio scorso con il quale – a seguito delle dimissioni di Stefania Romanò – aveva trattenuto per sé le deleghe all’Ambiente. La scelta di Lombardo è stata motivata dal primo cittadino con la necessità di individuare fra gli assessori in carica quello con “maggiore affinità per materia” e da qui l’indicazione del titolare ai Lavori pubblici. Lorenzo Lombardo aveva già ricoperto ad interim per un breve periodo, risalente al maggio scorso, anche l’incarico di assessore all’Ambiente di palazzo “Luigi Razza”, subentrando al dimissionario Giuseppe Russo che aveva lasciato l’incarico il 12 marzo scorso dando seguito alle indicazioni del leader di “Vibo Unica” Stefano Luciano. Prima di lui avevano “gettato la spugna” Vincenzo De Filippis e Antonio Scuticchio, mentre il 18 luglio scorso a rassegnare le dimissioni era stata Stefania Romanò, l’ingegnere nominata un mese e scelta personalmente dal sindaco Elio Costa dopo essere stata indicata dall’Ordine degli ingegneri di Vibo. Stefania Romanò – originaria di Dasà – ha lasciato l’incarico poiché finita sul registro degli indagati, quale componente dell’Autorità di bacino della Regione Calabria, in relazione ai fatti dell’alluvione di Rossano-Corigliano del 2015. Dal 18 luglio sino alla nuova nomina ora di Lorenzo Lombardo, la delega all’Ambiente è stata trattenuta dal sindaco Elio Costa. Un mese, quello appena trascorso, vissuto all’insegna della piena emergenza rifiuti, con la città invasa di spazzatura in ogni angolo, dal centro alla periferia sino alle frazioni. E con la ditta Dusty che proprio ieri ha accusato l’amministrazione comunale di Vibo di non aver elevato abbastanza sanzioni ai cittadini incivili che hanno creato sul territorio tante piccole micro-discariche. La nomina di Lombardo arriva peraltro nel bel mezzo di un vero e proprio caos politico generato anche, e soprattutto, per la questione rifiuti ed il degrado ambientale in cui versa la città, con accuse reciproche fra il gruppo di “Vibo Unica” guidato dal consigliere comunale Stefano Luciano ed i capigruppo di maggioranza, oltre che gli assessori della Giunta Costa.  Lorenzo Lombardo si troverà pertanto a dover gestire ora in prima persona la nuova emergenza ambientale, già oberato di lavoro per via la “pesante” delega ai Lavori pubblici. La nuova nomina politicamente chiude – qualora ve ne fosse stato ancora qualche minimo spiraglio  – la possibilità per  Stefano Luciano e compagni di rientrare in maggioranza dopo lo strappo dei mesi scorsi.     LEGGI ANCHE: Rifiuti a Vibo, la ditta Dusty: «Colpa degli incivili e del Comune che non li sanziona» 

Informazione pubblicitaria

Sequestro dell’Eco-punto in centro a Vibo, i residenti: «Ora si avvii il “porta a porta”»

Settore rifiuti allo sbando a Vibo, i carabinieri sequestrano l’Eco-punto di via Pellicano (FOTO)

 

Caos rifiuti a Vibo Valentia: si muove anche la Procura della Repubblica

Emergenza rifiuti a Vibo, l’ex assessore Russo attacca: «La Dusty tiene sotto scacco la città»

Caos rifiuti a Vibo, Slai Cobas all’attacco: «Silenzio assordante da ditta e sindaco»

 

Rifiuti, a Vibo è ancora caos: città in piena emergenza ambientale (VIDEO)

Bivona come una pattumiera: da 20 giorni nessuno spazza le strade (VIDEO)

Rifiuti, scontro tra Dusty e polizia municipale: «Volete sequestrare tutto? Non ci importa»

Caos rifiuti a Vibo, il Comune diffida la Dusty