Vibo ultima per qualità della vita, Russo: «Costa vive su Marte?»

Al consigliere comunale di minoranza non sono piaciute le affermazioni del sindaco dopo l’impietosa ricerca che colloca città e provincia in fondo alla classifica

Al consigliere comunale di minoranza non sono piaciute le affermazioni del sindaco dopo l’impietosa ricerca che colloca città e provincia in fondo alla classifica

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

«Quando il sindaco Costa fa alcune affermazioni riguardo la qualità della vita nella nostra città, dimostra ancora una volta di non conoscere le reali condizioni in cui versa oggi Vibo Valentia né tantomeno conosce le angosce dei vibonesi. Forse Costa vive su Marte e non a Vibo Valentia. Impossibile non accorgersi dello scollamento tra il capoluogo e le sue frazioni. Vibo Marina in ginocchio di per se è sempre più penalizzata dalle iniziative prese da questa amministrazione». A riferirlo in un comunicato è Giovanni Russo, capogruppo del Pd in consiglio comunale a Vibo in relazione al dato pubblicato da Italia Oggi che pone la provincia vibonese in fondo alla classifica sulla base dei parametri di “qualità della vita”. «Basta pensare – scrive Russo a supporto del suo affondo – a quanto fatto nei confronti dei pontili e di altre attività. Come fa a non accorgersi delle condizioni della viabilità comunale, a tal proposito dove è finito il mutuo tante volte sbandierato per intervenire seriamente sulla nostra rete viabile? Forse si è preferito contrarre un mutuo per il teatro? Fa finta il sindaco di non sapere ad esempio che i servizi sociali sono stati “utili” in questi anni solo a dare centinaia di euro in incarichi esterni e pochi servizi ai cittadini. Una città con un’attività urbanistica bloccata. Ormai sono usciti dall’agenda del sindaco il Psc, il piano spiaggia. Dimostra di non conoscere la situazione di un settore che oggi è bloccato perché da una settimana non si ha la capacità di riparare una fotocopiatrice, causando ritardi sul rilascio di permessi a costruire, ecc. Scenda il sindaco Costa nei vari uffici per comprendere il caos in cui regnano. Scenda il sindaco per strada a capire che nessuna iniziativa ad oggi è stata presa per la valorizzazione del centro storico o dei due principali corsi della città, diventati ormai una sorta di cimitero dei negozi. D’altra parte chiunque succederà Costa dovrà affrontare quasi certamente un nuovo dissesto, non si troverà alcun nuovo finanziamento per nuove opere pubbliche e una situazione difficile dell’apparato amministrativo. Insomma – conclude l’esponente del Pd – il sindaco Costa non solo non conosce la condizione attuale della città ma la lascerà, purtroppo, in una condizione peggiore di quella in cui lui l’ha trovata». LEGGI ANCHEQualità della vita in tutte le province italiane, a Vibo la maglia nera

Informazione pubblicitaria