Crisi al Comune di Vibo, per Luciano l’esperienza di Elio Costa è terminata

Il leader di Vibo Unica, pur invitato dal primo cittadino, non parteciperà all’incontro politico convocato per l’ultimo dell’anno

Il leader di Vibo Unica, pur invitato dal primo cittadino, non parteciperà all’incontro politico convocato per l’ultimo dell’anno

Informazione pubblicitaria
Stefano Luciano e Elio Costa
Informazione pubblicitaria

“Nonostante pubblicamente Vibo Unica abbia già espresso la sua posizione di chiusura netta rispetto alla possibilità di partecipare alla formazione di una maggioranza a sostegno del sindaco Costa, quest’ultimo ha ritenuto di convocare la mia persona per un incontro, domani, nella sala giunta, con la finalità di discutere dell’attuale situazione politica”. E’ quanto afferma in una nota il consigliere comunale, Stefano Luciano. “Con l’occasione – spiega Luciano – sento il dovere di ribadire che la mia posizione resta immutata nel considerare oramai terminata questa esperienza amministrativa e dunque comunico di non volere prendere parte all’incontro di domani, che ritengo superfluo. Oggi Vibo non può vedere prorogata una crisi politica che ha determinato una paralisi istituzionale, attraverso dibattiti e discussioni nel chiuso di una stanza, ma ha necessità di avere una speranza di rinascita attraverso un nuovo progetto credibile. Costa non può egoisticamente tenere in ostaggio le istituzioni per prorogare quasi forzosamente il suo mandato, ma deve avere il coraggio di dichiarare pubblicamente se ha una maggioranza e da chi è composta.  Diversamente, deve dare corso a quanto da lui stesso annunciato e cioè – conclude Luciano – deve assumere le conseguenziali, quanto necessarie determinazioni e consentire subito nuove elezioni”. Nuove elezioni, però, non volute al momento dal segretario provinciale di Forza Italia, nonché senatore, Giuseppe Mangialavori, il quale pur ritirando i suoi assessori dalla giunta di Elio Costa, non ha inteso “staccare la spina” al primo cittadino, sottolineando, anzi, che anche le amministrazioni comunali più imperfette, ma uscite comunque dalle urne e scelte dai cittadini, sono preferibili a qualunque commissariamento del Comune in vista del voto dopo pochi mesi. Sarà proprio così? Chi vivrà, vedrà…  LEGGI ANCHE: Comune Vibo, Mangialavori rimette le deleghe di tre assessori nelle mani del sindaco – Video

Informazione pubblicitaria