venerdì,Settembre 17 2021

Nicotera, Marasco replica a D’Agostino: «Campagna elettorale all’insegna della solita pretestuosità»

Il primo cittadino risponde al capogruppo consiliare di Movi@Vento: «La maggioranza ha il diritto di sostenere chi ritiene possa meglio interpretare i bisogni del territorio»

Nicotera, Marasco replica a D’Agostino: «Campagna elettorale all’insegna della solita pretestuosità»
Nel riquadro, il sindaco Marasco

«Ancora una volta la minoranza inaugura la campagna elettorale per le regionali all’insegna della consueta pretestuosità». Risponde così il sindaco di Nicotera, Giuseppe Marasco, al capogruppo consiliare di Movi@Vento, Antonio D’Agostino, che aveva parlato di scivolone del primo cittadino circa una sua dichiarazione relativa alla prossima tornata elettorale di ottobre. [Continua in basso]

Secondo Marasco, «quando si fa un appello a votare usando il termine “amministrazione”, non si intende certo né i gruppi di minoranza né tantomeno l’apparato burocratico dell’ente, ma esclusivamente il gruppo di maggioranza che amministra pro tempore il comune di Nicotera su mandato degli elettori che hanno liberamente eletto. Fatto a cui – prosegue -, evidentemente il consigliere D’Agostino non si rassegna pur avendo un ruolo, quello dell’opposizione di stimolo, di proposta e di controllo che evidentemente non gli sta bene, motivo per cui se ne esce ogni tanto con questa e altre amenità sezionando dal punto di vista lessicale le parole del primo cittadino».

«Del resto – continua Marasco – anche in consiglio comunale questo è il loro atteggiamento, cioè portare spesso temi come quello dell’avvenuta potatura di un albero sul lungomare, il che evidenzia quello che è il loro livello di collaborazione, e denota in modo plastico quell’ostruzionismo politico finalizzato esclusivamente a frenare l’azione di governo della stessa maggioranza.
Il gruppo di maggioranza al pari delle minoranze – conclude il sindaco – ha tutto il diritto di appoggiare politicamente chi desidera e chi meglio ritiene possa interpretare i bisogni del territorio vibonese e si augura che questa campagna elettorale possa concentrarsi non su queste banalità da fiera dell’ovvio ma sui tanti problemi della Calabria e del territorio vibonese stesso».

Articoli correlati

top