Comunali a Mileto: Giulio Caserta lancia la sua candidatura a sindaco

A sostenerlo l’associazione IdeaMileto ed il Partito democratico. Accanto a lui l’ex primo cittadino Rosetta Mazzeo, Armando Mangone, Francesco Schimmenti e Lino Dimasi

A sostenerlo l’associazione IdeaMileto ed il Partito democratico. Accanto a lui l’ex primo cittadino Rosetta Mazzeo, Armando Mangone, Francesco Schimmenti e Lino Dimasi

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

“Bando all’ipocrisia. Lancio ufficialmente la mia candidatura a sindaco di Mileto. De resto, questa associazione, espressamente politica, civica e apartitica, nasce proprio per puntare apertamente a presentare una lista con me candidato a primo cittadino alle prossime elezioni comunali di primavera”. Queste le parole con cui Giulio Caserta – funzionario della Procura di Vibo che cura l’esecuzione delle sentenze passate in giudicato – sgombrando dubbi e fraintendimenti di sorta, ha aperto il suo intervento alla cerimonia che ha sancito l’atto costitutivo della neo associazione “IdeaMileto”. All’incontro, “aperto a tutti” e svoltosi nella sede aperta ad hoc su Corso Umberto I, in piazza Pio XII, hanno partecipato numerosi soci e simpatizzanti. Tra questi, l’ex sindaco Rosetta Mazzeo, il segretario cittadino del Partito democratico Armando Mangone, l’ex vicesindaco Francesco Schimmenti e il già consigliere provinciale Lino Dimasi. Al tavolo, oltre al moderatore Domenico Tulino e allo stesso Caserta, la neo vice presidente di “IdeaMileto” Rosanna Mazzeo. “La speranza – ha aggiunto nel corso del suo intervento l’aspirante sindaco di ispirazione democristiana, con un passato da presidente del consiglio comunale nell’amministrazione Condoleo – è di ampliare il gruppo a quanti pensano di condividere progetti e idee proprie della realtà associativa. La nostra sarà una lista composta da giovani e meno giovani, capace di coniugare l’esperienza con l’entusiasmo, la tecnologia e le nuove idee. In questo contesto, sarà fondamentale il ruolo delle donne, non perché lo impone la legge ma a prescindere. Dobbiamo avere la capacità – ha concluso Caserta – di alimentare il sogno e la speranza e di far rinascere questa città, consci del fatto che si riparte dall’anno zero e bisogna puntare su occasioni di sviluppo, quali la Fondazione di Paravati, e ad intercettare i fondi regionali disponibili per riprendere, ad esempio, il centro storico della città capoluogo. Pronti ad impegnarci per migliorare i collegamenti con le aree limitrofe e con l’autostrada e a realizzare il Piano strutturale comunale”. Nel corso dell’incontro, il segretario cittadino del Pd, Armando Mangone, si è soffermato sull’esigenza “di metterci la faccia e saper cogliere le varie opportunità che si presenteranno su un territorio dalle grandi potenzialità come il nostro”, mentre Francesco Schimmenti ha focalizzato l’attenzione “sull’impellenza di dar vita a un periodo di pace sociale per ritornare a sedersi ai tavoli che contano”, puntando sulle capacità di un uomo di grande esperienza come Giulio Caserta, capace “di interfacciarsi con le istituzioni”.               

Informazione pubblicitaria