Comunali a Vibo, la direzione del Pd delibera: si va con Luciano

Oltre 60 presenti si sono espressi. Si farà una lista col simbolo del partito. Nel frattempo il circolo cittadino cerca di riorganizzarsi

Oltre 60 presenti si sono espressi. Si farà una lista col simbolo del partito. Nel frattempo il circolo cittadino cerca di riorganizzarsi

Informazione pubblicitaria
La riunione della direzione provinciale Pd
Informazione pubblicitaria

La direzione provinciale del Partito democratico di Vibo Valentia alza la mano e si schiera: alle elezioni comunali del capoluogo del 26 maggio sarà dalla parte di Stefano Luciano. Con 63 voti a favore su 82 (il resto era assente) Bruno Censore e Michele Mirabello hanno dettato il verbo. Ma se l’orientamento della direzione era già arcinoto dalla vigilia, ciò su cui ancora permanevano dei dubbi riguardava l’eventuale decisione su una lista col simbolo ufficiale del partito. Ebbene, dubbi diradati anche su questo aspetto: si è deliberato di “appropriarsi” del simbolo, anche se ancora non è chiaro a quale livello del partito (nazionale, regionale o cittadino) spetti l’autorizzazione a procedere in tal senso, ammesso che l’autorizzazione serva…

Informazione pubblicitaria

Alla riunione non hanno partecipato – pare perché non invitati – i componenti del coordinamento cittadino, ovvero i “ribelli” che osteggiavano la linea maggioritaria di Censore e propendevano, o propendono tuttora, per una aggregazione di centrosinistra pura. Il dato, questa sera, è uno: il Pd correrà, da comprimario, in una coalizione civica ma – per usare le parole del suo stesso candidato – «connotata da un progetto politico». E così i dem si ritroveranno ufficialmente in lizza al fianco dei Sovranisti. A poco servono i giri di parole per legittimare lo sposalizio, sia con la componente di destra che con colui che, piaccia o no, per almeno due anni è stato parte integrante del progetto «civico ma a trazione Forza Italia» di Elio Costa, ovvero dell’amministrazione uscente. In ogni caso, per lunedì dovrebbe pronunciarsi anche il coordinamento cittadino che sta cercando di “autoconvocarsi” e per determinarsi in maniera definitiva. Per ora il braccio di ferro lo stanno vincendo Censore e i suoi.